Anche il carovita cambia da isola ad isola. Ci sono quelle dove tutto costa parecchio e ci sono quelle ancora abbordabili.
Io abito a São Nicolau ed è una di quelle dove i prezzi sono ancora contenuti.
Questo si deve al fatto che si tratta di un’isola ancora non contaminata dal grande turismo. Qui vengono si gli stranieri a fare le vacanze, ma non si tratta di una marea di gente e per lo più sono persone che cercano natura, pace, escursioni in montagna ed in mare, ma non hanno bisogno di complessi alberghieri e discoteche per divertirsi.
Il ritmo della vita su quest’isola è lento, non esistono orari precisi per nulla, per viverci, bisogna entrare nella mentalità molto africana della gente del posto che è pigra, non ha grandi ambizioni e si contenta di vivere con poco, ma in modo assolutamente rilassato.
All’inizio trovavo a volte esasperante questo atteggiamento, poi piano piano mi ci sono abituata e forse sono diventata pigra anche io 🙂
Alla fine come non dargli ragione? Vivono molto più tranquilli, non hanno bisogno di affannarsi a lavorare tanto per ottenere questo o quello … fanno a meno di tante cose è vero, ma per loro non è un problema, non le hanno mai avute e hanno vissuto sempre felicemente lo stesso, anzi, sicuramente sono più felici di noi europei.
Ora, con i canali televisivi europei che possono vedere, sono a conoscenza dell’esistenza di tante cose che gli piacerebbe avere; i giovani sognano di andare in Europa … ma molto pochi sono disposti a fare anche piccoli sforzi per arrivare all’obbiettivo 🙂
Si divertono alla grande in maniera molto semplice; non c’è fine settimana senza feste in piazza, sulle spiagge, nei villaggi in montagna … sempre affollatissime di gente che balla, beve parecchio, passa intere nottate in allegria e senza pensieri.
Parecchi lavorano in proprio, o come pescatori, oppure come falegnami, elettricisti, idraulici, meccanici ecc ecc. Purtroppo, sono tutti improvvisati, nel senso che si arrangiano da soli, nessuno di grande esperienza gli ha potuto insegnare, quindi le varie prestazioni lasciano un po’ a desiderare. Ci vuole una pazienza infinita per ottenere un lavoro più o meno ben fatto, perché i loro tempi sono lentissimi.
E’ gente sempre allegra, molto gentile con i turisti e gli stranieri in genere, e se si viene a passare una vacanza qui, sono disposti a fare di tutto per portarvi a visitare l’isola, per spiegarvi il loro modo di vita, per farvi partecipare alle loro feste.
C’è anche qualche italiano che risiede qui e sono quasi tutte persone già avanti negli anni (tipo me), anche perché questo è un posto che non offre grandi opportunità lavorative, quindi per un giovane sarebbe più difficile viverci. Ne arrivano parecchi dall’Italia, passano delle belle vacanze, si divertono e gli piace sempre quest’isola … ma per viverci almeno per ora per loro è difficile.
Come si passano le giornate vivendo qui? In maniera molto semplice 🙂 La mattina è in genere dedicata alla spesa ed alle commissioni: non ci sono supermercati, per cui ogni giorno si fa il giro delle piccole botteghe, si va al mercatino della frutta e verdura, si va al molo dei pescatori, ci si rifornisce di quanto si necessita per la casa; poi inevitabilmente si passa un sacco di tempo chiacchierando con qualcuno che si incontra e magari si va a prendere una bibita o un caffè in un baretto. Il pomeriggio passa tra le cure al giardino, le visite, qualche piccolo lavoretto, cose del genere.

A volte si va in spiaggia o si esce in barca, oppure si fa una lunga passeggiata e la sera se non ci si ritrova tra amici, passa con la televisione o il pc. Il fine settimana si può passare facendo gite verso l’interno o su qualche bella spiaggia, e la sera c’è solo l’imbarazzo della scelta se si vuol stare in mezzo alla gente, ascoltare musica o ballare.
Per avere un’idea del costo della vita, tenete presente che con 1000 € al mese si può vivere.
Le cose più care sono la luce ,l’acqua, il telefono ed internet (se paragoniamo non l’Italia), ma in compenso costa meno mangiare, divertirsi, il ristorante, il bar ecc ecc.
Se prendiamo un’isola come Sal ad esempio, tutto costa molto di più, dal pesce, alla verdura, ai taxi, alle tariffe di acqua e luce, agli affitti … questo succede su tutte le isole turistiche.
Forse le più convenienti sono S.Nicolau, S.Antao, Brava e Maio.
Per quanto mi riguarda è un bel vivere e dopo qualche anno qui, non riuscirei più ad adattarmi ai ritmi italiani.

Annunci