Forse non tutti sanno come funziona ancora adesso l’approvvigionamento di carne a Capo Verde.

I proprietari delle bestie, le lasciano generalmente libere perché possano trovare un poco di erba da pascolare e le bestie fanno anche chilometri in giro per l’isola, ostacolando a volte la circolazione delle vetture sulle strade …

Quando decidono che è ora di uccidere una mucca, vengono in “città” e passano casa per casa a chiedere chi vuole carne. Annotano su un quaderno le prenotazioni ed alla fine del giro, se sono riusciti a vendere tutta la bestia, la macelleranno, altrimenti aspetteranno e faranno un altro giro dopo un po’ di tempo.

Quando macellano, ti portano a casa la carne che hai prenotato ed è ovviamente carne di bestia appena macellata che non ha passato nessun tipo di controllo veterinario.

Ognuno ammazza le proprie bestie dove gli pare, malgrado esistano i mattatoi, che restano molto poco frequentati …
Proprio in questi giorni il Municipio di Sao Vicente ha preso la decisione di fare una campagna di sensibilizzazione molto forte, per convincere gli allevatori a servirsi del mattatoio.

Utilizzando queste strutture gli allevatori avrebbero a disposizione le attrezzature, un certo livello di igiene e i controlli del caso.

C’è da sperare che la sensibilizzazione serva, perché è difficile per loro abbandonare le loro abitudini e capire che l’igiene ed i controlli sanitari in questo campo sono molto importanti.
Questo sarà un altro piccolo grande passo verso il progresso che si farà sicuramente. Diamogli un poco di tempo 😉

Annunci