arton95358

Sono parecchie le persone che arrivando dall’Italia, pensano di poter girare più isole in pochi giorni e, quando gli si dice che non è facile a causa della scarsa efficienza dei trasporti, stentano a crederci.
La storia che vi racconto oggi e che è apparsa sul giornale “A Semana” del 4 gennaio, servira’ forse a far capire il livello della gestione capoverdiana nei trasporti.

Prima di tutto dovete sapere che praticamente tutte le navi da carico, imbarcano anche passeggeri e fungono da traghetti, visto che di traghetti veri e propri, atti anche al trasporto passeggeri, al momento ne esiste solo uno.

La nave “Pentalina” e’ per l’appunto uno di questi cargo e si trovava nei giorni scorsi ancorata nel porto di Praia (isola di Santiago), effettuando le operazioni di carico.
20 Passeggeri che dovevano andare a Mindelo (isola di São Vicente), hanno comprato il biglietto dal costo di 34 Euro, per effettuare il viaggio e sono stati imbarcati.

Una volta imbarcati, non si puo’ scendere e si aspetta che la nave sia pronta per salpare. Sono sempre lunghi i tempi e a volte capita di aspettare anche qualche ora …. ma in questo caso e’ successo ancora di peggio.

I 20 passeggeri hanno dovuto restare nella stiva della nave per ben 22 ore, senza che gli venisse fornita alcuna spiegazione e senza la possibilita’ di bere o mangiare qualcosa.

Pare forse strano che ai giorni nostri accadano di queste cose, ma qui succede e non e’ la prima volta.

In un primo momento sembrava che la nave fosse senza il combustibile necessario ad effettuare il viaggio e si stesse aspettando chissa’ cosa per fare il rifornimento, poi invece, e’ saltato fuori il vero motivo: Il comandante in seconda non si era presentato all’imbarco, senza dare notizie e spiegazioni.
Solo un’ora prima della partenza, questo tipo ha fatto sapere che si trovava ricoverato in ospedale a causa di una febbre … (postumi del capodanno?)

A questo punto l’agenzia CV Marittima che e’ la responsabile della nave, si e’ messa in movimento per cercare un sostituto. Naturalmente l’ottima gestione capoverdiana non prevede di avere sottomano sostituti da chiamare in caso di necessita’, quindi l’operazione e’ stata lunga e difficile. Non saranno certo tante le persone con quella qualifica e poi … quante di queste saranno state sobrie il giorno dopo i festeggiamenti di fine d’anno?

Ed ecco spiegato com’e’ che ben 20 persone si trovarono intrappolate in una stiva senza bere ne mangiare per ben 22 ore.
Pensate che qualcuno si responsabilizzera’ per il disguido? Pensate magari che gli venga rimborsata la spesa del biglietto?
Toglietevelo dalla testa!!! Sono cose che capitano, qui e’ normale; la gente barbotta un poco, poi quando finalmente la nave salpa, tutti ritrovano il sorriso e sono pronti a dimenticare l’accaduto.

Avete in mente di fare una vacanza di una settimana a Capo Verde? Scordatevi di vedere piu’di un’isola! Se di giorni ne avete 15, magari ce la farete a vederne un paio, ma credetemi, ci vuole tempo a disposizione per girare questo Paese!!!

http://asemana.sapo.cv/spip.php?article95358&ak=1

Annunci