522225_177131892424630_497327455_n 183295_161395930664893_1750052603_n Visto che ultimamente abbiamo toccato il tema degli Aiuti, voglio parlare oggi anche di chi da anni svolge un lavoro importante a Mindelo.
Molti sapranno già che il randagismo è una delle piaghe di Capo Verde. Non si tratta solo del fastidio che i cani e gatti randagi possono arrecare ai turisti ed alla gente in generale.
I cani randagi possono trasmettere malattie, parassiti ed infezioni di vario genere; inoltre qui c’è l’insana abitudine di gettare periodicamente bocconi avvelenati per le strade, mettendo così a rischio non solo gli animali randagi, ma anche quelli che vanno a spasso al guinzaglio e i bambini che giocano per le strade; senza contare il sudicio nelle vie e i cassonetti della spazzatura eternamente rovesciati …
L’ Associazione Si Ma Bo, opera a Mindelo da anni cercando di combattere questa piaga, soprattutto con le campagne di sterilizzazione.1489037_327015394102945_200399807_n
Veterinari stranieri volontari, si recano presso Si Ma Bo e prestano gratuitamente la loro opera, non solo prendendosi cura degli animali, ma insegnando parecchie cose a capoverdiani che trovano impiego presso l’associazione.
Silvia Punzo che ha fondato l’Associazione, arriva spesso ad ospitare anche 100 cani ed aiutata da ragazzi del posto si prende cura di loro, cercando poi dopo averli curati, di darli in adozione a gente alla quale insegna come vanno tenuti.
Sono parecchi i capoverdiani che lavorano grazie a questa iniziativa la quale, occupandosi degli animali, dà anche un tangibile aiuto a tante persone.
Nei giorni scorsi sono state ospiti di Silvia, delle persone italiane che hanno girato un documentario per la Rai.
Il documentario racconterà e mostrerà il lavoro di Si Ma Bo e verrà trasmesso nella trasmissione “Cronache Animali” in onda su RAI 2.
L’Associazione spera inoltre di riuscire a farlo andare in onda anche sulla TV nazionale qui a CapoVerde, in quanto sarebbe importante cercare di sensibilizzare proprio la gente del posto circa questi problemi.
All’indirizzo https://www.facebook.com/simabo.associacao potete vedere quello che l’Associazione sta facendo e rendervi conto meglio di cosa si tratta.
Questa di cui vi ho parlato è un’altra faccia delle opere di Volontariato a Capo Verde e, qualcuno magari non particolarmente amante degli animali potrà obbiettare che in questo Paese ci sono problemi più gravi.
A queste persone ricordo che è molto importante debellare le malattie che i cani randagi possono trasmettere agli umani,liberarli dai parassiti (anche questi molto contagiosi) e sterilizzare le femmine, in modo che nel giro di qualche anno la popolazione dei randagi si veda sensibilmente ridotta. Purtroppo le Amministrazioni locali non si sforzano più di tanto, arrivando solo ad avvelenare i cani senza neanche preoccuparsi di vedere poi dove vanno a morire e capita anche di imbattersi in pietose carcasse che possono diventare veicolo di infezioni.
Spero che coloro che fanno parte delle Amministrazioni Comunali arrivino prima o poi a sensibilizzarsi verso questo problema e che si rendano conto dell’importanza di questa opera di Volontariato non indifferente!
Voglio aggiungere, che i veterinari sono a disposizione anche di chi vuole portare un cane di proprietà per una visita o una cura nonché un’operazione … A Tarrafal dove io abito per esempio un veterinario non esiste e sull’isola c’è qualcuno che si dice veterinario, ma sono persone abituate a trattare solo con animali tipo le mucche o gli asinelli e non hanno certamente l’esperienza per curare un’eventuale malattia o ferita di un cane. Lo dico per esperienze che ho vissuto in prima persona e assicuro che per chi ha in casa un cane, sarebbe una benedizione poter contare su un servizio di veterinaria.

Annunci