L’isola di São Vicente, è una delle isole che hanno raggiunto un certo grado di “progresso”.
La capitale Mindelo è ormai una città; molto graziosa, conserva vestigia architettoniche dell’epoca coloniale, è centro culturale di Capo Verde, con grande fermento di eventi musicali e di teatro, importante porto con parecchio traffico sia commerciale che turistico, meta sicuramente interessante per chi vuol fare una bella vacanza o godersi lo splendido carnevale nel mese di febbraio.
Si sa purtroppo, che dove il progresso arriva … qualcosa si perde e qualcosa si rovina.
Anche qui, come a Sal, esistono grandi sacche di povertà estrema e una grande quantità di gente che ha difficoltà anche per procurarsi il cibo.
La rivista Oceanpress ha recentemente girato un reportage tra i “ragazzi di strada”. Qui si tratta in particolare di un gruppo di circa una ventina di persone, però sono molti ma molti di più quelli che non hanno casa e vivono per le strade della cittadina.
La storia pubblicata dalla Oceanpress, riguarda questo gruppo che ha deciso di mettersi ad offrire un servizio di lavaggio auto in strada. Il costo del lavaggio va da 200 a 500 scudi (circa 2/5 euro); i ragazzi trovano sempre qualche cliente e con quel poco tirano avanti. Resta il problema della casa, tanti non ce l’hanno proprio, qualcuno potrebbe abitare con i genitori, ma spesso ci sono problemi di alcolismo e violenza in questo tipo di “famiglie” per cui decidono che è meglio la strada … Ultimamente, hanno deciso di occupare questo spazio pubblico per lavorare e si sono introdotti in una casa disabitata per dormire. La casa però è una proprietà privata e ci sono continui problemi con le forze dell’ordine. I pasti se li cucinano e li consumano direttamente in strada. Gli unici aiuti che gli arrivano, sono quelli dei capoverdiani emigrati, che in estate vengono a fare le vacanze e non si dimenticano dei “ragazzi di strada” …
Uno dei ragazzi intervistati dice che il suo sogno sarebbe quello di riuscire a pagarsi gli studi, studiare di sera e diventare pilota.
Questa cosa mi ha fatto pensare che sicuramente è proprio dalla povertà che sono nati grandi sogni e che tanti ci sono riusciti a realizzarli; mi ha fatto pensare anche: quali saranno invece i sogni dei nostri ragazzi di oggi?
Piccolo capoverdiano, ti auguro con tutto il cuore di realizzare il tuo sogno, ma soprattutto ti auguro di riuscire un giorno ad avere una casa ed una famiglia.

http://www.oceanpress.info/index.php/Pt/home4/sao-vicente/item/8372-sao-vicente-lavadores-de-carros-improvisam-moradia-em-espaco-abandonado

Annunci