Archive for marzo, 2015


Frequentemente mi chiedono dall’Italia, quanto costa vivere a Capo Verde ed io ho dato più volte l’informazione e vari prezzi, dicendo anche sempre, che tutto dipende poi da come uno vuole o pretende vivere …
Bene, in questi giorni sono stati resi noti dalla stampa, i guadagni dei parlamentari e politici in generale, perché pare ci siano molte lamentele del popolo che trova eccessivi questi stipendi e asserisce che si tratta di uno spreco che va a scapito della popolazione tutta.
images

Vi riporto qui di seguito i dati pubblicati:

Stipendi Mensili:
PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. – 170.000 ecv (1545 EURO) – IN PIU’ PERCEPISCE 121.000 ECV (1100 EURO) A TITOLO DI SPESE VARIE DI RAPPRESENTANZA, PER UN TOTALE DI 2645 EURO AL MESE!
PRIMO MINISTRO E PRESIDENTE DELL’ASSEMBLEA NAZIONALE: – 161.500 ECV (1468 EURO) – IN PIU’ PERCEPISCONO 32.300 ECV (293 EURO) PER UN TOTALE DI 1761 EURO AL MESE!
A questi tre personaggi, nel caso in cui non abitino in residenze di proprietà dello stato, vengono inoltre dati 636 EURO per pagarsi l’affitto di un’abitazione.
I VARI MINISTRI HANNO UNO STIPENDIO BASE DI 136.000 ECV (1236 EURO) A CUI SI AGGIUNGE QUALCOSA PER LE SPESE DI RAPPRESENTANZA E COMUNICAZIONE.
ANCHE I DEPUTATI GUADAGNANO 136.000 ECV (1236 EURO) E QUELLI CHE FANNO PARTE DELL’ASSEMBLEA NAZIONALE HANNO DIRITTO IN PIU’ ALL’AFFITTO DELLA CASA PAGATO.

Non starò a riportarvi tutta la lista, questi sono i picchi più alti degli stipendi dei parlamentari. 🙂

jpg_Jose-Maria-Neves---Uhau_4987
Abituati come siamo in Italia … qualcuno si chiederà perché la gente si lamenta di questi stipendi. Tenete presente che lo stipendio minimo dei lavoratori di Capo Verde è fissato in 100 euro!!!
Vi siete fatti un’idea di quello che guadagnano i VIP politici? Bene, eppure vivono, hanno la loro macchina, vestono senza sfarzo ma decentemente, hanno un tenore di vita molto al di sopra della media nazionale, e naturalmente, cercheranno di “arrotondare” lo stipendio facendo quello che in tutti i governi del mondo si fa e questo lo stanno imparando molto bene dai politici italiani 🙂

Perciò vedete, se avete una pensione da circa mille euro, potete essere quasi dei VIP a Capo Verde!! 🙂

http://www.oceanpress.info/index.php/Pt/politica/item/20640-quanto-ganham-os-titulares-de-cargos-politicos-em-cabo-verde

Annunci

Ed ecco un altro dei tantissimi “progetti” che è andato a farsi benedire!
Nel 2009 fu creata a Praia (la capitale) una scuola tecnica di “Affari e Tecnologia” e fu un evento in quanto scuole tecniche o professionali praticamente non ne esistono.
Ad oggi, la scuola è frequentata solo da 20 alunni che stanno facendo formazione per le energie rinnovabili ed il Direttore ha dichiarato che si attenderà che finisca il corso in atto, dopo di che la scuola dovrà chiudere.
Tutto il materiale tecnico ed informatico necessario arriva ovviamente dall’estero e fin dall’inizio i responsabili della scuola hanno sborsato grandi cifre per lo sdoganamento, quindi, anche se il materiale in arrivo è donato, le tasse doganali rendono impossibile ritirare la merce.
La richiesta di esenzione inoltrata non è stata accolta e quindi non potendo più far fronte alle spese e non potendo ritirare più alcun materiale, hanno deciso di chiudere e invieranno le strutture ed i materiali esistenti, per un altro Paese africano.
La scuola era stata creata con i soliti “fondi” in arrivo da non si sa bene quale Paese, e gli alunni sono anch’essi beneficiari, in quanto la loro retta viene pagata dal medesimo fondo. Ultimamente però la cifra inviata è stata dimezzata, anche perché parecchi di quelli che erano iscritti inizialmente si sono ritirati dai corsi.
Peccato, perché se una cosa manca a Capo Verde, è proprio la scuola professionale, quella che insegna un mestiere, e questa poteva essere una grande opportunità.
Per concludere … siamo di fronte al solito progetto finanziato che non riesce a decollare. Ne ho sentiti e visti a centinaia di questi progetti ed ho sempre dovuto constatare che una volta che gli organizzatori stranieri se ne vanno e lasciano le cose in mano ai capoverdiani … nel giro di poco tempo il progetto che pareva ben avviato, misteriosamente fallisce.
Sarebbe davvero interessante poter fare una stima di tutti i capitali che entrano come donazioni e finanziamenti vari in questo Paese …. so che sono veramente tanti e mi chiedo come mai continuino ad arrivare malgrado siano palesi gli scarsi risultati.
Invece di adoperarsi per cogliere le opportunità e sfruttarle a proprio favore, si rovina tutto mettendo in atto una gestione sbagliata e il governo, sempre presente a tagliare nastri e posare targhe di inaugurazioni, poi sparisce e non dà appoggio alcuno.
Ok, siamo a Capo Verde, continuiamo a mandare i figli al “liceo” e dopo teniamoceli in casa sdraiati sul divano perché non sanno fare niente …. fantastico!!!!:-)

http://www.oceanpress.info/index.php/Pt/economia/item/20140-escola-de-negocios-e-tecnologia-de-cabo-verde-podera-ser-transferida-para-outro-pais

Qualcosa sta cambiando e anche la donna capoverdiana si sta emancipando; sempre più ragazze stanno studiando e qualcuna inizia ad emergere e con le nuove generazioni si vedrà un’ulteriore ascesa della donna anche qui a Capo Verde.
Purtroppo esiste ancora un fenomeno che coinvolge parecchie ragazze che si sono unite a uomini italiani non più giovani.
In genere loro accettano questo tipo di “unione” perché sperano così di migliorare la propria esistenza, di poter aiutare la famiglia e finalmente di riuscire ad andare in Italia.
Tanti casi si rivelano un totale disastro e durano poco, oppure si convertono in una lotta quotidiana tra i due che, separati da mentalità diverse, età distanti e problematiche varie, finiscono per condurre una vita d’inferno.
Però ci sono anche casi in cui si viene a formare una coppia più o meno equilibrata; conosco donne che alla fine arrivano ad affezionarsi ai loro partner pur non condividendo appieno le loro idee ed abitudini e in effetti vedono la loro vita migliorata. Queste ragazze si conformano ai dettami della loro nuova condizione e si prendono cura dei loro uomini, riuscendo anche a dargli affetto. Più di un italiano che conosco qui, si è dichiarato soddisfatto della sua nuova vita e della sua compagna, ma c’è un però …
Pur avendo scelto queste isole per iniziare una nuova vita, pur dicendo di amare questi posti e questa gente, molti restano indissolubilmente legati all’Italia. Per costoro è importante che ci sia sempre la possibilità di ricevere cibi e bevande italiane, nel caso di qualunque malessere si corre in Italia per curarsi perché qui non sono all’altezza, eventuali figli avuti da queste relazioni sono ritenuti migliori e più importanti dei figli delle loro compagne e tutto quello che hanno abbandonato in Italia diventa all’occorrenza di nuovo utile e le compagne capoverdiane ne sono escluse.
Ci sono ragazze che trovandosi in queste condizioni, si ribellano a volte anche selvaggiamente creando il pandemonio e cercando di rendere la vita del compagno un inferno; ce ne sono altre che si sentono messe da parte ed inutili e ne soffrono parecchio. Tutte comunque vedono sfumare tanti sogni che hanno accarezzato per anni, ad ai quali hanno sacrificato la loro vita di giovani per stare accanto a persone molto più anziane. Di pronto si ricordano di tutte quelle serate passate ad ascoltare una banda di italiani che parlano solo in italiano, di argomenti che a loro non interessano e che non capiscono perché non fanno parte della loro cultura o delle loro tradizioni. Ripensano alle notti spensierate passate con i giovani amici capoverdiani ai quali hanno voltato le spalle per aggrapparsi ad una opportunità che giudicavano importante e si rendono conto che gli anni sono passati ed ora rischiano di ritrovarsi sole ed è diventato più duro vivere come si viveva prima, dopo aver avuto tutti gli agi a disposizione.
Alle ragazze capoverdiane auguro di crescere nel loro ambiente, rendendosi conto che acchiappare un italiano vecchio non è la soluzione …. Ci vuole pazienza, coraggio e volontà di imparare di più per poter ambire a qualcosa di meglio, ci vuole l’ambizione ma bisogna credere in se stesse e non pensare mai che il miglioramento della vita di una donna possa venirle regalato da un uomo. Migliorarsi sta in noi stesse!!!!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: