11949458_10206471234733089_7911284344281639687_n
Non è stato un buon periodo per Capo Verde il mese di Agosto. E’iniziato con la morte in mare di sei ragazzi che facendo il bagno sono stati traditi dalle forti correnti ed è terminato con l’Uragano Fred.
Normalmente questa non è zona di uragani. Questo tipo di perturbazioni si forma al largo delle isole di Capoverde, per poi dirigersi verso la zona caraibica e la costa est dell’America, ma questa volta un uragano denominato Fred, ha pensato bene di passare proprio sopra le isole.
E’ stata molta la paura, lo stato di massima allerta era stato dichiarato già un giorno prima, quindi la quasi totalità delle imbarcazioni era stata messa in sicurezza oppure tirata in secco, mentre la gente sapeva di dover restare in casa e rinforzare al massimo le chiusure di porte e finestre. Grazie a questi avvertimenti ed anche al fatto che fortunatamente l’uragano era di livello 1 (il più basso della scala che va da 1 a 5), non si sono registrati danni enormi e neppure vittime.
Le isole più colpite sono state Sal e Boa Vista e qui qualche casa è stata scoperchiata e 50 persone sono state evacuate, parecchie zone si sono allagate e qualche danno c’è, ma sono cose riparabili.
Sulle altre isole, alberi sradicati, colture rovinate, qualche allagamento e qualche danno alla rete elettrica.
E’ stata una giornata lunghissima e si è vissuta con grande tensione, il rumore del vento che ha toccato i 130 Km/ora unito al ruggito di un mare che ha presentato onde fino a sei metri di altezza, era impressionante e ci auguriamo vivamente che gli uragani riprendano la loro abitudine di non fermarsi a Capo Verde!
Ma se è vero che anche dal peggio si può ricavare qualcosa di buono … l’uragano ci ha lasciato l’acqua 🙂 bene prezioso per le isole che erano ridotte all’estrema siccità; qualche diga ha raccolto una buona quantità di acqua e questo sarà di grande aiuto per i coltivatori e gli allevatori di bestiame.
Voltiamo pagina ed iniziamo Settembre, nella speranza che sia un mese migliore

Annunci