Archive for settembre, 2017



In effetti l’articolo cui mi ero rifatta e che parlava di quarto posto al mondo (link al precedente articolo) … non è affatto preciso.
Bisogna però chiarire che il Formaggio di S.Antao ha ricevuto il marchio internazionale “Slow Food” che è un riconoscimento molto importante per questi pastori e produttori di un’isoletta in mezzo all’Atlantico.
Il riconoscimento è stato dato per la produzione di un prodotto assolutamente naturale, senza aggiunte di acqua, senza essere scaldato o raffreddato artificialmente.
La produzione avviene sull’isola di S.Antao dove una ventina di pastori curano circa 7000 capre e direttamente producono il formaggio, questo lavoro contribuisce al sostentamento di circa 60 famiglie.
Quindi il prossimo passo sarà quello di attuare il progetto (finanziato come sempre con soldi europei), che prevede di ampliare e migliorare la produzione unendo la lavorazione anche di yogurt e altri derivati del latte.
Non ho letto nulla a riguardo della famosa fabbrica che era stata abbandonata, sicuramente l’intenzione sarà quella di rimetterla in funzione e magari migliorarla ancora.
La speranza è quella che una volta avviato il progetto ed incassati i soldi, le cose vadano avanti questa volta, che non si abbandoni più quello che con tanta fatica si riesce ad ottenere, perché gli aiuti che piovono dal cielo, (e sono parecchi), sono ne più ne meno che i soldi di cittadini di altri Paesi e costano anche tanta fatica e tanto lavoro a chi si occupa di ottenere i finanziamenti.
Mi auguro di tutto cuore che i capoverdiani stiano iniziando a capire queste cose e che si applichino con tutte le loro forze per ottenere buoni risultati che miglioreranno la loro vita.
Auguri S.Antao!!! Forza ragazzi, a lavorare sodo!!!

Annunci

Formaggio Mondiale


Dunque, leggo oggi, che il formaggio di capra di S.Antao, ha partecipato alla Fiera Internazionale del Gusto di Torino.
Dico la verità, io stento a credere a quanto dice questo articolo … però risulta che Il formaggio capoverdiano in questione, si è qualificato al quarto posto a Livello Mondiale!!!!
Stavo pensando ai formaggi francesi, italiani, svizzeri, olandesi tra gli altri e in effetti è dura credere che questo formaggio sia arrivato addirittura ad ottenere un quarto posto, ma dato che così dice la stampa locale, la prendiamo per buona. Con questo non voglio dire che non sia un buon formaggio attenzione, è un formaggio di capra che si mangia in genere fresco e che da un po’ di tempo stanno anche facendo stagionare, è buono, ma sinceramente ne ho mangiati di molto migliori in Italia. 🙂
Comunque a parte i campanilismi 🙂 questo è un grande risultato per Capo Verde!!! I produttori di questo prodotto si impegneranno ora ad ottenere un certificato di qualità, in modo da poter arrivare un giorno ad esportarlo.
Come premio hanno ottenuto l’appoggio e la cooperazione italiana per migliorare la produzione.
In Novembre verrà dall’Italia una delegazione degli organizzatori della fiera, per discutere di nuovi progetti in questo campo agro-alimentare, attuabili in Capo Verde.
Bisogna aggiungere che nel 2002 sempre grazie alla cooperazione italiana era stata costruita e messa in funzione una fabbrica per la produzione del formaggio. Questa fabbrica fu poi abbandonata … le ragioni dell’abbandono non sono ben chiare …
Ora, dopo questo strepitoso successo, i produttori si dicono pronti a riprendere la lavorazione riaprendo la fabbrica e puntando anche sulla produzione di altri derivati del latte, tipo lo yogurt.
Auguri quindi ai produttori e Viva il formaggio di S.Antao!! 🙂

http://viajar.sapo.cv/noticias/sa-queijo-do-planalto-norte-entre-os-melhores-do-mundo

Pet Terapy a S.Vicente

L’Associazione SI MA BO di Mindelo di cui abbiamo più volte parlato, oltre a proseguire con la sua instancabile opera di sterilizzazione, ritiro e cura dei randagi dell’isola, da il via ora ad un nuovo progetto che reputo molto importante sia per i cani che per le persone; ve lo illustro e spero che ci sarà una grande partecipazione dei cittadini capoverdiani e soprattutto dei disabili e degli anziani che tanti vantaggi potranno ottenere da questa forma di terapia che in occidente ha ormai varcato anche le porte degli ospedali e degli istituti per gli anziani, a comprova della sua effettiva utilità.

SIMABO lancia il nuovo progetto con animali da compagnia.

La “pet terapy” già molto utilizzata in vari Paesi e ancora sconosciuta in Capo Verde, consiste in una terapia destinata a persone con inabilità di qualunque età. A Mindelo, verrà creato da SIMABO un apposito spazio per iniziare la pratica di questa terapia.

Ci sono a S.Vicente, più di 500 persone portatori di handicap di diverso tipo, oltre ad un considerevole numero di persone anziane che vivendo sole, non hanno modo di socializzare né di avere qualcuno a cui dedicarsi.

SIMABO offrirà con questo nuovo progetto, un’occasione per queste persone di superare la negatività dell’isolamento. La Pet Terapy stimola mentalmente e aiuta a socializzare; questo serve ad aumentare l’autostima delle persone diversamente abili e serve per distrarre dal pensiero della propria infermità o della propria condizione. Prendersi cura di un animale, comporta andarci a spasso e quindi aumentare il proprio movimento (cosa molto utile per gli anziani); dargli il proprio affetto (che viene inevitabilmente ricambiato), proporzionargli il nutrimento e le cure necessarie, rivolgendosi loro parlandogli come ad un amico, aumentando così le proprie occasioni di comunicazione ed incentivando il linguaggio. Tutte queste cose contribuiscono ad alleviare di molto lo stress e distraggono dai problemi che affliggono chi non è pienamente abile. In alcuni casi si arriva a diminuire i farmaci e si affronta la propria infermità o la propria solitudine in maniera più lieve.

Al tempo stesso sarà un’occasione per le famiglie per comprendere meglio l’importanza di avere un animale domestico, rendendosi conto che queste creature vengono a far parte della famiglia ed apportano benessere a tutti. In questo modo si arriverà ad avere più animali adottati, quindi tolti dalla strada, evitandogli l’abbattimento da parte del canile municipale.
Il Progetto proporzionerà anche una valida formazione professionale che potrà essere uno sbocco nella vita di tanti giovani.

Se qualcuno fosse interessato ad aiutare lo svolgimento della Campagna con una donazione fatta secondo le proprie possibilità, lo può fare a questo indirizzo: https://www.globalgiving.org/projects/pet-therapy-for-handicapped-people-in-cape-verde/?rf=ggWidget

Finite le Vacanze!!

Siamo a metà settembre e malgrado l’arrivo di pochi giorni di pioggia, qui a Capo Verde stiamo ancora godendo della nostra interminabile estate.
I turisti se ne sono andati e pure gli emigranti capoverdiani sono tornati ai loro impegni che li tengono lontani da questa amata patria.
Le vacanze finiscono sempre troppo in fretta si sa …
Le varie Amministrazioni di ogni isola si sono adoperate per la creazione di eventi, festivals feste e intrattenimenti vari in modo da proporzionare a stranieri ed emigranti un buon periodo di vacanze, animato e divertente.
Capoverde, con la sua tradizionale “morabeza”, è sempre in grado di far sentire a proprio agio chi viene in visita.
Tanti sono i problemi con i trasporti e vari servizi, lo sappiamo, ma alla fine chi viene in vacanza riesce sempre a godersi giornate rilassanti e divertenti e questo è importante.
Ora siamo in un periodo di stasi ma non dura tanto, tra poco arrivano quelli che vengono per passarci i mesi autunnali e invernali, e poi ci sono quelli che verranno per le feste di fine anno; il flusso non si ferma mai del tutto e per fortuna, essendo un Paese che punta molto e giustamente sul Turismo.
Si inizia già a pensare e preparare il Carnevale ed ho visto che Mindelo ha messo in cartellone per il mese di Novembre una buona programmazione di spettacoli teatrali. Insomma, soprattutto le isole che ricevono la maggior parte dei turisti si danno da fare per migliorare sempre la qualità dei soggiorni offerti agli stranieri.
Tarrafal di S.Nicolau come ho detto più volte è ancora indietro ed il nostro massimo l’abbiamo dato nel mese di Agosto, ora torniamo alla nostra tranquillità così tranquilla che a volte spaventa 🙂 Ma ce la godremo comunque questa completa tranquillità, ed anche se a volte mi viene da pensare a quel profumino di caldarroste che tra un po’ pervaderà le strade italiane, a quei bei cesti di porcini profumati, agli spettacolari colori dei boschi in autunno, se penso alla nebbiolina ed all’umidità che tra un po’ si trasformerà in freddo pungente … rabbrividisco e dico: Grazie Capo Verde per il tuo clima spettacolare tutto l’anno 🙂



La scorsa settimana nel porto di Mindelo è stata sequestrata una notevole quantità di cocaina che si trovava a bordo di uno yacht proveniente dal Brasile. Stiamo parlando di 1157 kg di droga. Il comandante francese e l’equipaggio brasiliano, sono stati naturalmente arrestati.
La droga che dopo essere stata analizzata è risultata essere cocaina di elevato grado di purezza, doveva essere bruciata, secondo le leggi internazionali in proposito.
Ed ecco che polizia giudiziaria procuratori, pompieri, giornalisti e chissà chi altro, partono per il luogo dell’incinerazione 🙂
Ovviamente non ci troviamo in un Paese attrezzato per queste operazioni e quindi, si sono recati dove in genere vengono bruciati i copertoni usati e altri rifiuti particolari. Ma non si tratta di un inceneritore, è solo una specie di grossa griglia che fortunatamente non si trova nelle immediate vicinanze della città ma in una località un po’ lontana dai centri abitati (anche se vicina al centro di istruzione militare) …
Ok, questa mattina, 1 Settembre 2017, è stata effettuata la grigliatona e si è così provveduto ad eliminare dalla circolazione il pericoloso carico sequestrato.
Danni ambientali? ma? chi può dirlo? Provvedere ad un inceneritore? ma? chi lo sa?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: