Archive for luglio, 2018


TACV

L’Enac ha acconsentito a ripristinare l’autorizzazione per gli scali italiani, ma solo fino al 25 Luglio, per fare in modo che la compagnia capoverdiana possa far viaggiare i molti passeggeri che sono stati lasciati a terra.

Resta quindi in atto la revoca, ed interviene un’autorizzazione solo temporanea.

Enac si riserva di decidere se rinnovare l’autorizzazione dopo aver verificato la reale esistenza dei velivoli necessari ad espletare il programma ed avvisa che continuerà a monitorare la situazione della compagnia aerea e a vigilare sul rispetto del Regolamento Comunitario.

In calce, il Comunicato Enac.

http://moduliweb.enac.gov.it/Applicazioni/comunicati/PDF/2018_2453.pdf

TACV

In seguito ai disagi verificatisi ultimamente, dovuti alla cancellazione di centinaia di voli della compagnia TACV dall’Italia per Capo Verde, l’ENAC (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile), ha diramato ieri un comunicato revocando le autorizzazioni ad operare sugli scali italiani alla suddetta compagnia aerea.

Questo è l’ultimo pasticcio in ordine di tempo combinato dalla TACV, che opera ormai solo con i voli internazionali avendo dovuto abbandonare quelli di collegamento tra le isole capoverdiane, ma che pare proprio non aver risolto i suoi problemi.

Sono centinaia le persone che in possesso di biglietto per Capo Verde e tanti anche per il Brasile perché avrebbero poi continuato il viaggio verso quel Paese, che non hanno potuto partire. Una situazione di estremo disagio che dimostra ancora una volta l’inaffidabilità della compagnia di bandiera di CV che sembra non riuscire proprio a risollevarsi e risolvere gli enormi problemi che pare avere.

In seguito alla revoca di ieri, ora la TACV non potrà più operare in Italia ed era l’unica alternativa alla Neos, essendo le uniche due che proporzionavano voli diretti per Capo Verde. Diventa quindi sempre più complicato il viaggio per gli italiani e per i tanti capoverdiani che vivono in Italia e che proprio in questa stagione approfittano delle vacanze per tornare al loro Paese.

In calce trovate il link dove potete leggere il Comunicato.

 

http://www.enac.gov.it/home/strillo_primopiano/info-1956858391.html

36772318_2057052211033804_8499490788428742656_n36726549_2057054027700289_4644507900805382144_n

36761052_2057053757700316_2810157686857924608_n

36794166_2057053504367008_6802356825309052928_n

Parlo spesso dei tanti problemi e delle cose che non vanno bene e quindi mi sembra giusto anche segnalare i progressi utili che si verificano 🙂
Da tempo i cittadini capoverdiani chiedevano al Governo maggior attenzione alla sicurezza.
Soprattutto sulle isole che hanno aperto al turismo di massa, si sono verificati a volte assalti ai turisti, piccoli furti e problemi vari, facendo si che la gente non si sentisse più sicura per le strade e nelle abitazioni.
Detto così sembrerebbe che a Capo Verde ci sia chissà quale delinquenza … non è così, infatti si tratta di isole ancora molto tranquille dove si può girare indisturbati , basta fare attenzione a non infilarsi in quartieri poco sicuri o sbandierare orologi, catene e cellulari vari e questo è come in tutto il mondo.
E’ però importante avere una buona copertura di poliziotti girando per le strade, che oltre a vigilare, provvedono ai controlli dei documenti allo scopo di verificare chi è illegalmente nel Paese e comunque con la sola presenza intimidiscono eventuali malfattori.
Ed ecco che in questi giorni sull’isola di Boa Vista si è fatto un passo avanti, in quanto il Governo ha provveduto a potenziare il posto di Polizia, che da semplice squadra è stato trasformato in Comando Regionale di Polizia; ora i poliziotti sono molti di più e si può contare anche con comandante e personale qualificato per i diversi compiti che spettano alla Polizia, tra i quali anche l’emissione e il rinnovo dei visti.
Più personale e più mezzi a disposizione quindi per vigilare sull’isola che è ormai diventata il secondo punto turistico più importante del Paese dopo Sal.
Il turismo porta ormai a Boa Vista tanti soldini, ed è proprio per questo che gli abitanti chiedono maggiori migliorie in tanti settori, la sicurezza è senz’altro uno di questi.
E’ sempre piacevole dare buone notizie e ora restiamo in fiduciosa attesa di vedere altri passi avanti, con la speranza che il Governo non si dimentichi di Sanità e Trasporti … 🙂

16322023.normal

Capo Verde riceve dall’Unione Europea un aiuto di 9 milioni di euro all’anno.
E’ di oggi la notizia che è stato deciso di rinforzare questo contributo con altri 10 milioni annui a partire dal 2019.
Non male direi anche perché non c’è solo la UE che manda aiuti ma molti soldi arrivano da Paesi come la Cina, il Giappone, il Lussemburgo e non ricordo quali altri.
So che entrano davvero tanti soldi dall’estero e sono regalati per aiutare questo Paese nella sua crescita.
Io non sono esperta in queste cose, però mi viene spontaneo chiedermi se poi questi contributi vengono impegnati coscientemente, perché devo dire che in 10 anni che vivo qui, non è che ho visto poi tante migliorie.
Il turismo si è incrementato sicuramente e anche da li entrano soldi, ma se si guarda sulle varie isole, si avverte una carenza generale in tutto; infrastrutture e servizi pubblici in primis, per non parlare dei trasporti tra le isole che sono un vero disastro.
So che non deve essere affatto facile amministrare un paese insulare ma a volte sospetto che ci sia ancora un livello troppo elevato di incapacità gestionale e forse anche già un po’ di corruzione a livello politico.
La speranza è sempre quella che le cose migliorino (non so quante volte ho scritto questa frase) 🙂 Questa crescita si deve compiere, ed è il popolo capoverdiano che dovrà beneficiarne, perché finora davvero i capoverdiani vivono in maggior parte in condizioni molto critiche.
Senza lavoro o sottopagati e sfruttati, senza casa, con scarsità anche di cibo in periodi di grande secca, soprattutto le comunità rurali se la passano male, ma anche chi è stato costretto a trasferirsi dove c’è il turismo per trovare lavoro e poi con quel che guadagna non riesce neanche a pagarsi l’affitto di un appartamentino e vive in case fatiscenti senza alcun servizio … ecco, non è giusto!

 

https://expressodasilhas.cv/DFK3w

 

 

 

Acqua a Capo Verde

seca-5

Uno dei problemi più grandi di Capo Verde è la siccità.
L’acqua scarseggia sempre e particolarmente in questo periodo, dopo cinque anni di piogge molto limitate.
Isole come Boa Vista e Sal che non hanno pozzi sotterranei, si ritrovano con grande scarsità di acqua.
Gli agricoltori e gli allevatori di bestiame sono preoccupati e guardano sconsolati i raccolti secchi e la terra arida, consci che sarà un anno di guadagni zero e di poco cibo in tavola …
Chi abita su queste isole sa che se non vuole ricevere bollette astronomiche, deve razionare diligentemente il consumo di acqua.
A questo proposito è doveroso richiamare l’attenzione dei turisti e di quelli che vengono qui a passare qualche mese ogni anno.
Cercate di limitare anche voi i consumi di acqua, per esempio utilizzando l’acqua del lavaggio stoviglie per buttarla nel wc; se lavate a mano degli indumenti, non lasciate scorrere l’acqua dei risciacqui ma raccoglietela in una bacinella e poi utilizzatela per altre cose come il lavaggio dei pavimenti ad esempio; utilizzate la doccia per una sciacquata senza lasciarla aperta tanto tempo; fate il bagno ai bambini in bacinelle in modo da non lasciar scorrere tanta acqua per tante docce; quando vi insaponate le mani, chiudete il rubinetto e riapritelo solo per sciacquarle, idem per i denti … Questi sono alcuni consigli perché in Europa siamo abituati all’abbondanza di acqua e non ci viene neanche in mente in quei 15 giorni che stiamo qui, di cambiare le nostre abitudini. Invece se pensate a quanta gente sbarca ogni giorno su queste isole e vi si installa per periodi più o meno lunghi, potete capire che il consumo di acqua è enorme. Qualche piccolo accorgimento anche da parte dei turisti, servirà di aiuto ai contadini e alla povera gente che si vede costretta spesso senza una goccia d’acqua.
Grazie per la vostra attenzione e spero collaborazione 🙂

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: