Archive for luglio, 2019



A partire da ieri, 27 Luglio 2019, esiste una nuova rotta di collegamento via mare tra le isole.
Si tratta della nave Libertadi che tutti i sabati parte da S.Antao, fa scalo a S.Vicente, poi prosegue per le isole di S.Nicolau, Sal e Boa Vista. Il ritorno sulla medesima rotta è previsto il giorno dopo, quindi Domenica. Ossia che ogni settimana c’è questo nuovo collegamento tra le isole di Barlavento i sabati e domeniche.
Resta invariata la rotta del mercoledì che collega S.Antao, S.Vicente, Nicolau e Santiago.
Quindi una nuova opportunità per molti turisti che sperano sempre di riuscire a vedere più di un’isola.
Attenzione però … questa nave ha sempre avuto parecchi problemi e si è trovata spesso ferma per riparazioni essendo a quanto dicono gli esperti, una nave non adatta alla navigazione nell’Oceano Atlantico.
Ci auguriamo tutti naturalmente che i problemi siano stati risolti e che questi collegamenti possano avvenire rispettando la rotta e gli orari previsti.
Con questa rotta si potrebbe andare per esempio da S.Vicente a Boa Vista il sabato e tornare il mercoledì dopo … (è solo un esempio) dovreste poter vedere gli orari sul sito di
https://cvfastferry.com/ Sperando che funzioni …
Bene, staremo a vedere se questo nuovo progetto funzionerà dovere. Lo so che qualcuno mi giudica scettica 🙂 ma ormai ne ho viste tante di “innovazioni” finite in nulla che non ci credo più finché non vedo che funziona. 🙂

Liberdadi passa a fazer ligações semanais desde Santo Antão para as ilhas de S. Nicolau, Sal e Boa Vista com passagem por S. Vicente


Siete in parecchi a cercare di organizzare il viaggio a Capo Verde.
Io rispondo sempre alle vostre e-mail e posso sicuramente darvi informazioni varie o consigliarvi un’isola piuttosto di un’altra, o mettervi in contatto con chi ha strutture ricettive dove dormire, mangiare ecc ecc. Però questo è un Blog e non un’Agenzia di Viaggi. Non posso organizzarvi i vari itinerari, i voli o le navi tra isola e isola e darvi precise informazioni su orari e quant’altro.
Questo è il lavoro delle Agenzie e se digitate in Google: Agenzie viaggi per Capoverde, ne trovate tantissime sia in Italia che a Capo Verde. Queste persone vi potranno aiutare e consigliare con cognizione di causa e precisione in quanto è il loro lavoro.
Non è che non vi voglia aiutare, è che non ho gli strumenti per farlo e non è il mio lavoro.
Vi ringrazio per seguire il Blog, e se davvero lo seguite, dovreste sapere perché se ne è parlato innumerevoli volte, che non si può andare e tornare in giornata da un’isola all’altra. Le uniche due isole che sono vicinissime e collegate diariamente dal traghetto sono S.Vicente e S.Antao. Per tutte le altre non esiste andata e ritorno in giornata né per mare né per cielo … e aggiungerei “meno male”, perché a cosa diamine serve andare su un’altra isola per starci qualche ora? Pensateci: bisogna essere all’aeroporto due ore prima della partenza, quindi calcoliamo già un tre orette buone prima di arrivare, poi ne calcoliamo altre tre per tornare … che ci andate a fare scusate? Tanto non vedete niente, non ne avreste il tempo, restate sull’isola dove siete arrivati e godetevela!
Buone Vacanze a tutti!!!

Forse non tutti lo sanno ma, uno dei problemi di Capo Verde, sono le baraccopoli che esistono su alcune delle isole.
Soprattutto a Sal e Boa Vista si sono venuti a creare questi quartieri in seguito all’ondata di immigrazione della popolazione proveniente da altre isole in cerca di lavoro.
Questa è una delle piaghe portata dall’avvento del cosiddetto “turismo di massa”. I grandi alberghi ed i Villaggi Turistici, assumono parecchio personale, per cui la gente che abita su isole non lanciate turisticamente, si è spostata dove c’era richiesta di lavoratori
Peccato che queste mega strutture in alcuni casi molto lussuose, assumono con contratti precari magari per soli sei mesi ed in ogni caso non proporzionano al personale nessun tipo di alloggio.
Ed ecco che chi è venuto a lavorare in uno di questi alberghi, guadagnando davvero molto poco, non è in grado di pagarsi un affitto per cui ha cominciato a costruirsi delle baracche inizialmente fatte con lamiera o cartone.
A Boa Vista nella cittadina di Sal Rei, esiste un quartiere ormai enorme conosciuto come “As Barracas” ma che in realtà si chiama “Bairro de Boa Esperança” (nella foto si vede solo una piccola parte del quartiere), dove abitano più persone che nei quartieri normali. Negli anni molte di queste costruzioni in lamiera, sono state trasformate in case costruite con blocchi di cemento, quasi tutte senza finiture interne ma in muratura.
La maggior parte dei capoverdiani che lavorano nel turismo come camerieri, o inservienti o personale addetto alle pulizie o tassisti a Sal Rei, lavorano in posti bellissimi mentre abitano in un quartiere squallido, senza acqua, senza luce e senza fognature e servizi igienici.
Ultimamente però qualcosa si sta muovendo e grazie all’interessamento del Governo, il Comune di Sal Rei è riuscito ad iniziare alcuni lavori di riqualificazione di questo quartiere.
Oggi è stata inaugurata la rete elettrica della zona nord del quartiere di Boa Esperança. Negli scorsi mesi sono stati effettuati altri lavori di rete fognaria e pavimentazione strade … insomma un po’ alla volta stanno cercando di dare dignità a questa zona ed alla sua gente che finalmente potrà godere di qualche servizio basico molto importante per migliorare la qualità della vita e le condizioni igieniche.
E’ bello veder finalmente brillare la luce in quelle stradine e in quelle case, si tratta di una zona molto grande, con tanti negozietti, innumerevoli bar e bancarelle, strade costantemente affollate di gente e bambini che scorrazzano, dove ovviamente in questo momento si sta tenendo una mega festa per via dell’inaugurazione della rete elettrica. 🙂
Un importante passo avanti per questo Paese, era ora che il Governo pensasse ad eliminare queste “favelas” trasformandole in quartieri che resteranno magari poveri, ma almeno decenti. Le baracche che ancora esistono verranno eliminate pian piano cercando di proporzionare un alloggio migliore a chi non è in grado di costruirsi una piccola abitazione fatta con i blocchi e quindi pian piano si assisterà alla trasformazione completa di questo enorme quartiere.
Parabéns a tutti quelli che abitano a Boa Esperança e andiamo avanti con i festeggiamenti 🙂

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: