Latest Entries »

ARTIGIANATO CAPOVERDIANO

11692688_1647089038838441_6662521975731864811_n

Sono ormai da un mese a Boa Vista, isola che volevo conoscere e che sto girando in lungo e in largo. Splendidi posti e splendide spiagge, ma a me interessa la gente e devo dire che sono riuscita ad avere parecchi contatti con gli abitanti capoverdiani del posto, relazionandomi con loro e rendendomi conto di come vivono e delle differenze che ci sono tra le varie isole anche nel modo di vivere.

Scriverò più avanti di quest’isola e della città di Sal Rei, ma oggi volevo raccontare i aver finalmente scoperto che Capo Verde ha un artigianato proprio. Dico questo perché sia a S.Nicolau, sia a Sal ed anche a S.Vicente, ho sempre visto che i vari oggetti di artigianato che vendono spacciandoli per capoverdiani, altro non sono che cose importate dal Senegal. Esiste infatti una notevole comunità di senegalesi in Capo Verde e i senegalesi sono sicuramente abili commercianti e non esitano a seguire il turista, asfissiandolo finché non riescono ad appioppargli questo o quell’oggetto di artigianato. La maggior parte dei turisti, non si rende neppure conto che questi sono senegalesi e non capoverdiani, e compera convinta di portarsi via un ricordo di questa terra.

Io mi sono sempre chiesta perché a Capo Verde non esistesse un artigianato locale, finché proprio qui a Boa Vista, mi sono imbattuta in oggetti davvero belli, lavorati in legno o in terracotta da mani esperte.

Sono così venuta a conoscenza dell’esistenza di un laboratorio di proprietà di Alcides Morais, un signore di Boa Vista, che dopo aver frequentato la scuola di artigianato di Rabil (Boa Vista), si è dedicato all’artigianato creando piccoli veri capolavori in terracotta che vende direttamente nel suo laboratorio, ma che si possono anche trovare nello shop dell’Associazione “Un Click per un Sorriso”. Con i suoi oggetti collabora infatti anche all’attività della moglie italiana Francesca Rinaldi, che si dedica all’amministrazione ed all’aspetto commerciale di questa Associazione Umanitaria, di cui vi parlerò più avanti.

14344104_10208882335409958_565488095117992542_n

E’ bello sapere che tra i capoverdiani ci sono anche abili artigiani, era un aspetto che mi mancava e sono contenta di aver colmato questa mia lacuna 🙂

A questo indirizzo potete vedere la pagina del laboratorio di Alcide Morais. Le foto forse non rendono giustizia a oggetti tanto ben realizzati e curati nei particolari, ma potete farvi comunque un’idea e diffondere la pagina tra i vostri amici in modo da fargli una buona pubblicità, che vi assicuro si merita!

Laboratorio de Alcides Morais – 100% Made in Boa   (pagina Facebook)

PS: Ricordatevi che tutti gli oggetti africani, le collanine e i braccialettini che trovate per le strade quando venite a Capo Verde, non sono oggetti capoverdiani!! 🙂

Una precisazione è comunque d’obbligo: Non solo a Boa Vista si fa del’artigianato, ma anche sulle isole di S.Antao, S.Vicente, Santiago e Maio. L’artigianato che io non avevo mai visto nelle strade, esiste, ma è praticamente “strangolato” da quello africano. Un motivo in più per pubblicizzare quello locale ed aiutare gli artisti delle nostre isole!

 

 

 

BUONE FESTE

natale-nel-mondo

Un’equipe di medici cinesi presta la sua opera presso l’ospedale Agostino Neto di Praia.
Si tratta di sette medici: Un chirurgo, un anestesista, tre ginecologi, un pediatra e un agopunturista, assistiti da un interprete. Ogni due anni la Cina invia un nuovo staff di medici che danno un importante contributo grazie alle laro capacità ed alla loro esperienza.
Il Governo di Capo Verde, giustamente soddisfatto e grato per questo servizio, ha attribuito in questi giorni, la Menzione d’Onore ai suddetti specialisti, riconoscendo il loro impegno rilevante per la salute ed il progresso sociale del Paese.
Tutto bene, solo mi domando fino a quando continueremo a dipendere dalla carità degli stranieri … E’ splendido che ci sia sempre chi aiuta il Paese sia con fondi che con prestazioni di servizi vari, ma resta il fatto che se non si inizia a formare capoverdiani, non si va avanti e non ci si rende indipendenti.

http://asemana.sapo.cv/spip.php?article122027&ak=1

Parliamo di AIDS

Ormai si parla raramente del virus HIV, ma sfortunatamente non è che sia sparito.
Dall’indagine più recente effettuata dalle Nazioni Unite, risulta che Angola, Mozambico e Capo Verde sono i tre paesi africani dove la situazione del virus è preoccupante.
Pare che la campagna di sensibilizzazione fatta a suo tempo ma poi mai ripresa, non sia stata efficace ed è alta la percentuale di persone affette da HIV che non effettuano terapie e non si curano. Da qui anche l’alta percentuale di gente che contrae tubercolosi, in quanto il rischio di prendere la tubercolosi aumenta drasticamente tra le persone affette da HIV, si stima che l’81% degli affetti da tubercolosi abbiano l’AIDS e i casi di tubercolosi sono in preoccupante aumento.
Ora, non vogliamo fare inutili allarmismi, ma visto i dati divulgati dopo queste indagini, credo sia giusto che la gente sia informata. Sappiamo che Capo Verde è meta di parecchie persone, sia uomini che donne, che vengono nell’arcipelago a scopo di turismo sessuale, quindi mi pare giusto siano avvisati in modo da prendere tutte le precauzioni possibili.
Non vuol dire che non ci si deve più venire sia chiaro, solo è importante stare attenti e in caso di rapporti intimi proteggersi sempre ed anche magari informarsi circa il/la partner scelti 🙂

http://www.expressodasilhas.sapo.cv/sociedade/item/51023-situacao-das-pessoas-com-o-vih-em-cabo-verde-angola-e-mocambique-e-preocupante-unaids

Binter Ufficiale

binter-atrDopo due anni di “tira e molla”, finalmente la Compagnia Aerea Binter riceve oggi il Certificato di Abilitazione rilasciato dall’Agenzia di Aviazione Civile di Capo Verde, che le permette di iniziare voli regolari tra le isole dell’arcipelago.
La Binter CABO VERDE, inizierà ad operare con due aerei ATR72 con capacità per 72 posti, sulla rotta Praia-S-Vicente-Sal. La data di inizio dei voli sarà comunicata dalla Compagnia stessa che sta ultimando le operazioni di organizzazione per offrire un servizio di qualità e prezzi competitivi con vari “pacchetti offerta”. A breve quindi disporremo di un notevole rinforzo nei voli interni in questo Paese che si trova veramente allo sbando nel settore trasporti. Il progetto, che parte coprendo la rotta più importante, prevede di inserire poi altri aerei per arrivare nel giro di un anno più o meno, a collegare tra loro tutte le isole.
Tra qualche giorno la Binter comunicherà la data ufficiale di inizio e lancerà una campagna pubblicitaria a livello nazionale.
Binter è la compagnia aerea delle isole Canarie in Spagna, ed opera da circa 30 anni con voli internazionali in tutto il mondo e con voli nazionali collegando le isole delle Canarie tra di loro. La flotta che sarà messa a disposizione di Capo Verde sarà un vero e proprio distaccamento della flotta spagnola e prenderà il nome di BINTER CABO VERDE; il personale sia di volo che di terra sarà tutto spagnolo in quanto si tratta di persone già formate e qualificate, con anni di esperienza. Può darsi che più avanti la Compagnia decida di provvedere alla formazione ed alla successiva assunzione di personale capoverdiano.
Benvenuta Binter!!

http://www.expressodasilhas.sapo.cv/economia/item/50840-binter-cabo-verde-ja-pode-comecar-a-voar-oficial

Abbiamo ormai capito che ci affidiamo completamente ai cinesi per il progresso del piccolo Paese di Capo Verde.
Non è una cattiva idea, visto che la Cina sa sicuramente progettare e lavorare bene a quanto pare e continua a cancellare i debiti contratti da Capo Verde con loro e a fare nuove e cospique donazioni.
L’ultimo accordo con la Cina è il contratto firmato oggi, con la Huawei Technologies, che doterà l’arcipelago di un moderno sistema di gestione della sicurezza urbana; progetto con un costo preventivato di 20 milioni di dollari.
L’installazione avverrà nel 2017 e prevede la posa di video-telecamere di sorveglianza nei maggiori centri di ogni isola, un centro di comando e un centro di controllo per tutti gli enti che operano nell’area della sicurezza, tipo Polizia Nazionale e Municipale.
Ultimamente, soprattutto nella capitale del Paese si verificano diversi atti criminosi e vandalici ed anche nei centri più tranquilli, sono in aumento i furti e gli assalti.
E’ una realtà ancora molto tranquilla se la paragoniamo alle città ed ai centri turistici europei, ma in ogni caso è giusto arginare il fenomeno provvedendo ad una migliore sorveglianza.
Tutto bene quindi e diciamo grazie Cina 🙂 ma, la mia domanda è: Riusciranno i nostri eroi a gestire, far funzionare correttamente, riparare eventuali guasti una volta che il progetto sarà partito e le apparecchiature elettroniche installate???
La formazione del personale sarà il solito corso di una settimana tipo quello realizzato per i tecnici della nuova centrale elettrica, che poi non funziona perché non sono in grado di affrontare i problemi che si presentano? Oppure la Huawei provvederà a formare del personale capoverdiano come si conviene?
Magari i cinesi verranno direttamente loro a lavorarci 🙂 tanto ormai si sentono perfettamente a loro agio ed in casa propria su queste isole!

Cabo verde assina acordo com a Huawei Technologies de cerca de 20 milhões de dólares para a implementação de “Cidades Seguras”

daefbc1bf712b1b21859c1615087271b_xl
Ieri i cittadini capoverdiani hanno votato per eleggere il Presidente della Repubblica.
Come da prevsioni è stato rieletto il Presidente attualmete in carica JORGE CARLOS DE ALMEIDA FONSECA che ha vinto con larga maggioranza su tutte le isole, anche se si è verificata un’astensione direi quuasi prreoccupante che ha superato il 60%.
Jorge Carlos Fonseca è un Presidente molto amato e molto vicino alla gente. Congratulazioni a lui e buon lavoro!!!

Da circa due anni esiste un accordo tra il Governo capoverdiano e la Compagnia Aerea Binter (Spagna) secondo il quale la Binter mette a disposizione aerei, equipaggi e tecnici, e si impegna a fare tutti i collegamenti tra le isole.
C’è già da tempo nel Paese una sede della compagnia spagnola e la flotta che verrà impiegata prende il nome di “Binter Capo Verde” perché passerà ad essere a tutti gli effetti un distaccameto della Binter che funzionerà come Compagnia Aerea Nazionale Capoverdiana.
Nell’ultimo anno ci sono state moltissime dichiarazionni secondo le quali si dava inizio ai voli; la Direzione della Bintter ha più volte spiegato che loro erano pronti, che si trattava solo di attendere l’emissione di un ultimo documento per entrare in funzione. Così di mese in mese si è tirato avanti sperando che Capo Verde si decidesse a inoltrare questo benedetto permesso di volo, con la speranza di assitere in breve ad un miglioramento dei trasporti interni.
Ma a Capo Verde sono maestri nell’arte di tirar tardi …
Ieri finalmente Binter ha fatto il suo primo volo “di assaggio” tra Praia-Sal e S.Vicente. Aspettate ad esultare!!! si è trattato solo di un test e l’aereo aveva a bordo solo l’equipaggio, senza passeggeri.
Perché mai verrebbe da chiedersi? Binter è una compagnia europea molto ben quotata che da tanti anni vola in parrecchi Paesi del mondo, anche a Capo Verde atterra da tempo collegando le Canarie a queste nostre isole, inoltre dispone di personale ben addestrato e con esperienza, compreso il personale tecnico che si occupa della manutenzione per garantire il perfetto funzinamento delle aeronavi.
Però l’Aeronautica Civile capoverdiana, che dispone di una sola compagnia nazionale con al suo attivo un paio di vecchi aerei, pretende che questo aereo e tutto il suo equipaggio siano sottoposti a test sul campo, prima di rilasciare il certificato di aeronavigabilità e la licenza di volo per piloti ed asistenti …
Il problema è: quanto tempo ci metteranno ora per rilasciare il certificato??? Chi conosce le abilità gestionali e la flemma capoverdiane, non può che mettersi le mani nei capelli.
Speriamo che si tratti questa volta di un’operazione breve, ma al momento non posso ancora dare la notizia dell’inizio delle operazioni tanto attese, in quanto in realtà Binter non ha ancora potuto iniziare il servizio.

La richiesta della residenza a Capo Verde, è una delle cose che più interessano perché da tempo ricevo richieste di informazioni in proposito. Bene, finalmente sono in grado di passarvi informazioni precise, che arrivano direttamene dalla DEF (direzione stranieri e frontiere). La nuova legge sull’immigrazione è entrata in vigore nel novembre del 2014, ma fino allo scorso anno i vari Comandi di Polizia avevano ancora le vecchie liste di documenti e in realtà la nuova legge non veniva applicata. Ora sono cambiate le cose ed i controlli si sono fatti più attenti, quindi è necessario munirsi di pazienza e provvedere alla presentazione di tutta la documentazione in regola.
Molto più semplice da ottenere è la richiesta di residenza per chi è pensionato, ma di questo avevamo già parlato e trovate qui sul sito la lista dei documenti necessari. (lo trovate nella sezione “le vostre domande il 18 aprile 2016)
Eccoci quindi alla lista documenti per chi non è in pensione ma vuole comunque trasferirsi a Capo Verde:
RICHIESTA AUTORIZZAZIONE DI RESIDENZA

1) -Richiesta indirizzata al Sig. Direttore della Polizia Nazionale di Praia
2) -Formulario di richiesta di Autorizzazione Residenza debitamente compilato
3) -Documento da cui risulti che si dispone dei mezzi economici di sussistenza. (Es: contratto di lavoro oppure per chi svolge un’attività in proprio: un certificato di Società oppure di Prestazione di Servizi o Dichiarazione di Inizio Attività e quindi Situazione Fiscale presso gli uffici della Finanza CV.)
4) -Iscrizione all’INPS Capo Verde
5) -Estratto Conto bancario recente e Dichiarazione della Banca con Saldo medio annuale.
6) -NIF – Numero di Identificazione Fiscale di CV.
7) -Attestato della Camara Municipal dal quale risulti che si vive effettivamente in quel Comune.
8) -Certificato Penale rilasciato in Italia.
9) -Certificato dei Carichi Pendenti rilasciato in Italia.
10)- Passaporto con Visto Temporaneo valido.
11) – Attestato Medico comprovante il buono stato di salute.
12)- Certificato Internazionale di Vaccinazione.
13) -Certificato di “Cadastro Policial” da richiedere alla Polizia di Capo Verde e alla Polizia Giudiziaria sempre capoverdiana.
14) -Documento comprovante le condizioni di alloggio. Es: Certificato della Casa di Proprietà, o Contratto di Affitto.
15) -Tre Fotografie
I documenti rilasciati dalle autorità italiane, vanno debitamente tradotti in portoghese presso Ambasciata o Consolati capoverdiani.
Per inoltrare la richiesta di residenza, bisogna essere in possesso di un visto temporaneo valido.

La legge sull’immigrazione è la seguente: Lei n.º 66/VIII/2014, potete vederla anche sul Boletim Oficial de Cabo Verde (in internet) che è un po’ la nostra Gaazzetta Ufficiale.

5f24270621d557c31c0b12e137251e62_xl
Come ogni anno le tartarughe marine sono arrivate, hanno depositato le loro uova e dopo la schiusa i loro piccoli hanno raggiunto il mare, rinnovando l’appuntamento annuale.
Purtroppo dai controlli effettuati dalla Direzione lell’Ambiente, risulta che non sono diminuite affatto le stragi di tartarughe, anzi quest’anno sembra ne siano state uccise di più.
C’è una legge che prevede multe anche abbastanza salate per la cattura e la vendita di carne e carapaci di tartaruga e ci sono anche persone addette alla vigilanza delle spiagge nel periodo delle tartarughe. Peccato che in realtà nessuna multa viene data e il controllo pare lasci parecchio a desiderare, visto la quantità di resti di tartaruga che hanno trovato …
Si era parlato tempo fa di “educare” la popolazione al rispetto di questi animali … non ho ben capito se qualcosa in questo senso è stato fatto, certamente non sono state fatte campagne informative in grande scala e in sostanza, un grande numero di capoverdiani continua tranquillamente a cacciarle, mangiarle o venderle. Questo è un atteggiamento tipico dei locali che in genere se ne fregano altamente di tante cose, soprattutto di tanti animali … Così come tirano le pietre ai cani randagi e non, allo stesso modo non si fanno problemi a uccidere una tartaruga!
Speriamo che di tartarughini ne siano nati tantissimi e che tanti siano riusciti ad arrivare in mare illesi e speriamo che quando dovranno fare le uova, scelgano spiagge su isole deserte e non vengano dove l’uomo è per loro una grande minaccia!!!!

http://www.oceanpress.info/cms/Pt/especial/sociedade/47432-captura-de-careta-careta-venda-ilegal-e-consumo-da-carne-nao-diminui

arton120808Avevo parlato l’anno scorso della nuovissima diga costruita a S.Nicolau che non tratteneva l’acqua. E’ stato un fatto abbastanza scioccante visto l’enorme investimento per realizzare quell’opera che rappresentava una grandissima speranza per gli abitanti dell’isola e per le coltivazioni. Durante l’anno che è passato, nessuno ne ha più parlato, non si sa a chi vada imputata la responsabilità e tutto è stato messo a tacere.
Quest’anno di pioggia ne è venuta davvero tanta, l’altro ieri si calcola che il livello della diga (che era secca), sia salito fino a nove metri di acqua; purtroppo oggi, dopo soli due giorni, la diga risulta di nuovo asciutta.
Un’enorme quantità di acqua che è andata sprecata!!
Vedremo se si alzerà qualche voce, aspetteremo di vedere se si prenderanno provvedimenti o se l’intenzione è quella di lasciare tutto com’è dimenticandosi dei tanti milioni buttati al vento.
Andiamo avanti …

http://asemana.sapo.cv/spip.php?article120808&ak=1

dsc01364
dsc01368
Capo Verde gode di un clima tropicale secco dove il caldo si sopporta molto bene grazie alla mancanza di umidità.
Settembre però è il periodo delle piogge, che i capoverdiani aspettano ogni anno con ansia visto i tanti problemi creati dalla scarsità di acqua e dalla siccità perenne.
Non si verificano tutti gli anni delle forti piogge, erano almeno 5 anni che non si assisteva a temporali e forti precipitazioni. Ci sono anni in cui spioviggina un paio di giorni e l’acqua non fa neppure in tempo a penetrare nella terra arida, che già è tornato a splendere implacabile il sole.
Quest’anno settembre sta mantenendo le sue promesse e la pioggia è arrivata abbondante su tutte le isole. Oggi è anche accompagnata da forti raffiche di vento e si sta assistendo a uno scenario inusuale per questi posti: torrenti in piena, strade allagate e quant’altro.
Però la situazione non è allarmante, l’acqua è abbondante ma non ha carattere di tempesta e anche se vediamo strade qua e là allagate, è solo perché sono strade costruite senza pensare alla pioggia ….
Ovviamente per i turisti che si dovessero trovare qui in questo periodo, non sarà piacevole e il mio consiglio è sempre quello di evitare il mese di settembre perché ci può andare bene se capitiamo in un settembre di quelli poco o per nulla piovoso, ma quest’anno ad esempio non è andata così …

Siamo a Capo Verde

binter01_08_09_2016gE non c’è niente da fare!!!! Non ci si smentisce mai!!
Binter rimanda l’inizio delle operazioni annunciate ieri l’altro. Pare che il famoso processo di certificazione che va avanti da due anni e che doveva essere consegnato per l’inizio dei voli, almeno così era stato annunciato … non sia ancora ultimato. Praticamente Capo Verde non ha ancora dato il permesso definitivo per iniziare!!
E quindi niente, la storia infinita continua. Vi aspetto per la prossima puntata 🙂

http://rtc.cv/index.php?paginas=21&id_cod=13147

Binter inizia a Capo Verde

Domani, 8 settembre 2016, la compagnia aerea Binter comincia il suo servizio tra e isole capoverdiane.
Il volo inaugurale sarà domani tra Praia e S.Vicente e la prima rotta scelta è Praia-S.Vicente – S.Nicolau.
L’unico aereo messo a disposizione per ora, porta già la dicitura “Linee Aeree Capo Verde” e dovremo aspettare un attimo per vedere quali poi saranno le rotte che Binter sceglierà inizialmente, sperando che se tutto funziona, mettano poi un altro aereo per essere in grado di collegare tutte le isole tra di loro.
Dopo due anni di tira e molla, finalmente è ufficiale che questa compagnia spagnola prenderà le redini dei trasporti aerei nazionali di questo Paese.
Dovremmo vedere le migliorie fin da subito, in quanto TACV avendo meno rotte da seguire, potrà effettuare con l’unico aereo che le rimane, un servizio un po’ migliore.
Benvenuta Binter … ne abbiamo un gran bisogno!!!!

http://asemana.sapo.cv/spip.php?article120644&ak=1

Elezioni amministrative 2016

14237634_1364524060243461_3282656514259147222_n
Le elezioni amministrative appena concluse, hanno segnato una pesante derrotta per il partito che da 25 anni deteneva il potere praticamente in tutte le isole, il PAICV.
Il Movimento per la Democrazia (MPD) che aveva già vinto le elezioni politiche confermando il proprio rappresentnte come Primo Ministro, stravince anche nelle comunali-
Come potete vedere dall’immagine, tutte le isole sono ora governate dal MPD, tranne Boa Vista, che ha dato la propria fiducia agli indipendenti del movimento “Basta”.
i capoverdiani hanno espresso con questo voto un grande desiderio di cambiamento, comprensibilmente stufi di tanti problemi venutisi a creare in tanti anni di gestione PAICV.
La speranza è che le nuove amministrazioni vengano appoggiate dal governo centrale e siano meglio gestite per arrivare ad una crescita consapevole e ottimale del Paese.
Entriamo quindi in questa nuova era e facciamo gli auguri ai nuovi governanti, ricordandogli che il popolo vuol vedere una Buona Gestione del proprio territorio!

E dunque studiamo il Mandarino!

7490-004-0CE7105B imapsusa_2267_571108835
Le relazioni diplomatiche tra Cao Verde e Cina sono ben consolidate; i cinesi hanno ampio spazio a Capo Verde, dove mandano tantissimi aiuti di un certo “spessore”.
Sono cinesi i finanziamenti per la costruzione di parecchie scuole e sono cinesi le borse di studio di cui hanno beneficiato parecchi studenti capoverdiani e questi sono solo due esempi perché la Cina ha finanziato tantissime opere in questo Paese.
In cambio godono di vantaggiosissime condizioni in campo commerciale, potendo importare e commerciare usufruendo di tasse bassissime o inesistenti. Anche il mare capoverdiano è a disposizione della Cina per quanto riguarda la pesca ed anche qui le condizioni sono davvero vantaggiose.
In questi giorni, con l’Ambasciatore cinese, il Governo capoverdiano ha preso la decisione di introdurre nelle scuole superiori, l’insegnamento del Cinese Mandarino, che è la lingua ufficiale più parlata in Cina.
Questa notizia ci dà la misura di quanto la Cina abbia allargato i tentacoli sull’Africa. Capo Verde sembra essere uno dei Paesi che più gli interessano, probabilmente per la strategica posizione di queste isolette.
Il mondo sta cambiando gente!!!! E quindi … a studiare il mandarino!!! 🙂

http://www.sndiario.com/caboverde/item/398-alunos-do-secundario-vao-ter-aulas-de-chines-a-partir-de-2017?utm_source=dlvr.it&utm_medium=facebook

Elezioni Amministrative

Il 4 di settembre prossimo, i cittadini capoverdiani dovranno votare per scegliere i sindaci e le amministrazioni comunali. La campagna elettorale è al culmine, per quanto riguarda Tarrafal di S.Nicolau che è dove io vivo, pare scontata la vittoria del Sindaco uscente Dott. Freitas ma naturalmente bisognerà aspettare la prossima domenica per sapere i risultati certi.
Io andrò a votare perché ho sempre ritenuto il voto un mezzo importante della democrazia, sarei però curiosa di sapere se gli altri italiani residenti a Capo Verde intendono votare, ma so già che nessuno me lo dirà 🙂
Su questa pagina FaceBook potete vedere alcuni candidati durante la loro campagna porta a porta.
https://www.facebook.com/ScappareSullisolaDeiSogni/

Buone Notizie per Volare!!

1460989451468kFin dal lontano 2004 (12 anni fa) era stato firmato un accordo per i trasporti aerei tra Portogallo e Capo Verde. Tale accordo prevedeva di eliminare l’esclusiva delle compagnie TAP e TACV (rispettivamente di Portogallo e CV), in modo da poter aprire le porte ad altre compagnie creando così concorrenza nei prezzi e maggior numero di voli.
Sfortunatamente tale accordo non fu mai approvato.
Finalmente ieri laltro il Presidente del Portogallo, Marcelo de Sousa, ha deciso di approvare tale accordo!!!
E’ una notizia molto importante per Capo Verde, che potrà usufruire di maggior flusso finanziario ed economico, mentre vedrà l’arrivo di più turisti ed i prezzi dei voli più accessibili grazie alla concorrenza che finora non esisteva proprio.

Personalmente mi auguro che ci siano presto nuovi voli dall’Italia che servano a semplificarci la vita evitandoci tanti scali e magari costando qualcosa meno.
Un bel passo avanti e restiamo in attesa che si risolva anche la questione spinosa dei voli interni … finora siamo ancora al livello delle promesse in questo campo.

http://anacao.cv/2016/08/11/marcelo-ratifica-acordo-de-transportes-aereos-com-cabo-verde-assinado-em-2004/

In seguito al fallimento della Soc. proprietaria,il Tribunale di Brescia ha pubblicato l’invito per l’asta di beni immobili situati in Capo Verde.
Si tratta di alberghi, palazzine, case e lotti vari situati a Boa Vista, e di una fabbrica per imbottigliare l’acqua minerale situata in S.Antao.
Per chi fosse interessato, l’asta si svolgerà il 20 Settembre prossimo.
A dire il vero i prezzi mi sembrano molto alti, tenete presente comunque che probabilmente l’asta andrà deserta e ci saranno almeno altre due o tre convocatorie. A quel punto i prezzi saranno scesi considerevolmente, quindi se siete interessati il consiglio è di seguire l’evoluzione 🙂 I bandi li potete trovare sempre pubblicati sul sito http://www.astegiudiziarie.it.
Cliccando sul link qui sotto, potete vedere i dettagli dei beni che verranno messi all’asta, nonchè i prezzi e le descrizioni.

https://scontent-mrs1-1.xx.fbcdn.net/v/t1.0-9/13932926_10154482088571180_3203147607320632182_n.jpg?oh=7c19cfe4a27579959e7f96ef5803b5e7&oe=581E6417

CV Olimpico – Video

Capo Verde è rappresentato alle Olimpiadi di Rio da 5 atleti.
Maria Andrade – Taekwondo (portabandiera)
Davilson Morais – Boxe
Jordi Andrade – 400 mt ostacoli
Elyane Boal – Ginnastica ritmica
Lidiane Lopes – 100 e 200 mt
Auguri alla delegazione capoverdiana, in bocca al lupo a questi ragazzi.

Recentemente il Ministro della Cultura e dell’Industria creativa è stato in visita qualche giorno sull’isola di Sao Nicolau. La sua venuta aveva lo scopo di rendersi conto delle potenzialità dell’isola e per conoscere cosa già si sta facendo in questo campo.
Il Ministro ha avuto occasione di visitare vari luoghi di importanza storica, come il forte di Preguiça, le rovine del campo di concentramento e la città di Praia Branca patria della “morna”. La sua intenzione, ha dichiarato, è quella di provvedere ad aiutare l’isola a migliorare le condizioni di detti luoghi con interventi di vario genere, al fine di poterli inserire in un interessante percorso turistico.
Attenzione particolare è poi stata dedicata al Museo della Pesca, che ha al suo attivo interessanti documentazioni fotografiche e autentici pezzi antichi che venivano usati per lo più per la caccia alle balene. Anche qui il Ministro si è detto disponibile per aiutare ad arricchire e completare questo spazio che è stato donato dal proprietario dello scatolificio del tonno, Sig. Jack Pinheiro. Il Museo ha infatti trovato spazio nell’antica casa di questo signore che a S.Nicolau è considerato un beneffattore, in quanto creatore nel lontano 1935 della “fabbrica” che ha proporzionato e continua a proporzionare lavoro a tanti sull’isola, ed esporta un tonno in scatola di ottima qualità.
Eccovi qualche foto della gloriosa Fabbrica SUCLA, e del Museo.
13707694_1121009581270621_4967806322678659613_n 13781717_1121014461270133_547828447628161031_n 13692569_1121009637937282_8530036846977782541_n 13700144_1120980401273539_2363175564882620018_n 13697035_1120980451273534_1608283008469052180_n 13781991_1120980501273529_6762935833280296310_n 13775618_1120980407940205_5151544579144317118_n

zanzara2Siamo ormai in piena estate ed è questa la stagione con più umidità. Proprio durante questo periodo le uova delle zanzare e delle mosche iniziano la schiusa che aumenterà con l’arrivo delle pioggie.
Il Primo Ministro, allo scopo di prevenire ed arginare il fenomeno, lancia una campagna a livello nazionale che serve per senzibilizzare la popolazione ed effettuare vaste operazioni e disinfezione delle aree pubbliche, nonchè delle residenze private e dei giardini.
Il Governo ricorda alla popolazione, che le zanzare che possono essere presenti, sono la causa delle epidemie di Dengue e Zika nonchè della febbre gialla. Insetti molto pericolosi quindi ed è necessario fare tutto il possibile per evitare che invadano il Paese.
La campagna partirà sabato prossimo 23 Luglio e si protrarrà per una settimana. Tutti i municipi del Paese provvederanno in merito ma si chiede anche l’intervento dei privati per tenere case, cortili e giardini puliti, ed eliminare eventuale acqua stagnante.
Tutti uniti quindi contro questi dannosissimi insetti!!!

http://jsn.com.cv/economia-e-negocios/5843-campanha-de-prevencao-de-doencas-vetoriais-lancada-na-proxima-semana.html

316902_2337301165406_1522081066_nL’Istituto Nazionale di Metereologia, pubblica oggi le previsioni per il periodo Agosto-Ottobre, che sarebbe la stagione delle piogge sull’arcipelago di Capo Verde.
L’articolo mi è parso divertente in quanto vi si legge che per quanto riguarda le isole di Barlavanto le piogge potranno essere da deboli a normali, mentre sulle isole di Sotavento si dovrebbero avere precipitazioni da normali a forti. l’INM avvisa anche che potrebbe verificaersi qualunque fenomeno atmosferico di carattere estremo.
In sostanza: può succedere di tutto 🙂 magari pioverà, forse tanto e forse poco e poi si spera che non arrivino tifoni o qualcosa del genere 🙂
Alla fine, faremo come si faceva una volta: quando apriremo le finestre la mattina sapremo se piove o se fa bello!!
Per i turisti comunque voglio aggiungere di non farsi grandi problemi, perché è difficile imbattersi in un’intera settimana di piogge, al massimo se venite in estate, potrà toccarvi una giornata di maltempo, ma le piogge sono comunque sempre molto limitate se le confrontiamo a quelle cui siamo abituati in Italia.

http://www.expressodasilhas.sapo.cv/sociedade/item/49402-previsoes-meteorologicas-apontam-para-chuva-normal-a-excedentaria-ate-outubro

12e0f8183964654fb1c0f43d8eab9906_XLContinua la telenovela dei trasporti capoverdiani. Parliamo di quelli aerei questa volta e facciamo un piccolo riassunto delle precedenti puntate. 🙂
Dunque era stato stabilito che per diminuire il costo delle rate che TACV deve pagare per estinguere il suo debito, si sarebbero cambiati i due aerei ATR (quelli che fanno i voli nazionali), con altri due aerei dello stesso tipo ma molto più vetusti. L’operazione che doveva andare in porto in giugno non è poi stata effettuata (fortunatamente dico io) perché al Governo e anche al consiglio d’amministrazione della TACV non era piaciuto il fatto di mettere in servizio macchine vecchie, con tantissime ore di volo e praticamente insicure.
Bene, intanto Binter è sempre in attesa di ottenere l’OK per far volare i suoi aerei tra le nostre isole, ma sembra che la cosa vada ancora per le lunghe e non si danno spiegazioni al riguardo. Ricordo che la compagnia spagnola Binter ha aperto da quasi due anni ormai una sede a Praia, ha a disposzione i velivoli per effettuare i voli interni e le manca solo che le venga dato il via.
Cosa capita ora? La flotta aerea per i voli nazionali di TACV, comprende solo due veicoli ATR e ad agosto, uno dei due dovrà essere fermato perché avrà superato le ore di volo consentite e dovrà effettuare le manutenzioni obbligatorie. Operazioni queste che in genere richiedono molto tempo. Rimarrà quindi ad agosto un solo aereo a disposzione della compagnia capoverdiana.
Come sappiamo Agosto è un mese di alta stagione, in cui a Capo Verde arrivano e partono tantissime persone, sia turisti, che emigranti senza contare i capoverdiani residenti che si spostano per le ferie.
Che dire? un Paese che punta tutto sul turismo ed è composto da isole, un Paese per il quale i trasporti aerei sono importantissimi, qui non ci sono autostrade, qui bisogna volare perché siamo circondati dal mare, un Paese che si riduce con un solo aereo in alta stagione!!! Non ci sono parole è roba da non crederci, eppure è così.
Appuntamento alla prossima puntata, sperando che nel frattempo ci sia stato qualche miglioramento della situazione, mi immagino il caos per chi deve prenotare il viaggio per agosto …

http://www.oceanpress.info/cms/Pt/economia/44708-tacv-perde-mais-um-aviao-e-compromete-ligacoes-inter-ilhas

8ee1622798ac660e50827ba8cec8c7ef_XLCome ho più volte raccontato, Sao Vicente può essere considerata la capitale della cultura capoverdiana, e proprio qui a Mindelo si è svolto ieri uno dei tanti eventi socio-culturali che si verificano durante l’anno sull’isola: Il “Cavala Fresk Festival”.
La “Cavala” è un pesce molto simile al nostro sgombro, che viene consumato ogni giorno nelle case capoverdiane ed è parte importante della tradizione gastronomica del paese.
In occasione di questo Festival, una trentina circa di ristoranti e trattorie, preparano e presentano i loro piatti di cavala, cucinata in modi sempre diversi ed appetitosi.
Una marea di gente si riversa nelle strade dove sono stati montati appositi banchetti e approfitta per degustare gli invitanti piatti, si può soffermare a vedere come viene preparato il pesce in questa o quella ricetta, passeggia e si intrattiene piacevolmente con amici e conoscenti che si incontrano per strada.
A ravvivare il tutto, l’mmancabile musica e varie attività, come un giro in barca con l’attuazione di cantanti famosi, una sfilata di moda allestita da stilisti locali, una mostra fotografica con soggetti della quotidianità del posto, una sessione di Zumba Dance dove chi vuole può approfittare di una lezione di questa disciplina.
A metà pomeriggio è stato presentato anche un nuovo Francobollo “Cavala Fresk” realizzato grazie ad un’iniziativa di “Mariventos” che è l’associazione organizzatrice dell’evento, insieme con le Poste Capoverdiane.
La festa si conclude nella notte con un grande spettacolo in una delle piazze mindelensi, dove si assiste all’attuazione di diversi cantanti e gruppi capoverdiani.
Una giornata di grande animazione e movimento per i mindelensi e per i tanti turisti ed emigranti che in questo periodo si trovano sull’isola: divertimento assicurato!!
L’evento fa parte delle varie attività volte a promuovere turisticamente l’isola e a far conoscere oltre alla musica anche la cucina tipica del Paese.
Un’ottima iniziativa che si ripete ormai da qualche anno e che coinvolgendo la popolazione crea al tempo stesso diverse occasioni di lavoro e di guadagno, mentre si rivela una bellissima attrattiva per i turisti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: