Tag Archive: sfilate


DSC04312

Oggi è il 5 maggio e io, dopo tre notti insonni, voglio darvi un’idea di quel che può essere l’energia e la voglia di divertimento dei capoverdiani.

Dunque, il 1 Maggio è notoriamente la festa dei lavoratori. La mattina è iniziata una sfilata impressionante di camion, pik-up, macchine, biciclette e gente a piedi stracarica di masserizie; tutti in direzione spiaggia.
Arrivati a destinazione (la spiaggia più amata per questo avvenimento è Praia Francés, ma anche sulle altre comunque c’è parecchia gente), montano delle specie di tende con teloni di plastica o semplici lenzuola per crearsi almeno un angolo di ombra, posizionano le griglie e mentre i ragazzini giocano in mare, le donne si danno da fare intorno ai fuochi a legna per preparare la cachupa e gli uomini si incaricano di grigliare il pesce. Da ogni macchina esplode musica a tutto volume, sono molto ben attrezzati con casse acustiche ed amplificatori. Le persone vanno di tenda in tenda, scambiandosi saluti, bocconcini e soprattutto bicchierini di grog. La spiaggia è un tripudio di colori, odori e chiasso assordante. Rimarranno in spiaggia fino a notte inoltrata, compresi i bambini piccoli, che non hanno la minima difficoltà a dormire sulla sabbia e a sopportare una lunghissima giornata di mare e sole cocente.

Il giorno dopo, il 2 Maggio, è giorno di lavoro, ma pochi si presentano perché hanno necessità di riposare un poco e smaltire i fumi dell’alcool; è venerdì e poi domani è la festa di Santa Cruz, quindi questa sera si darà inizio ai festeggiamenti … giusto per portarsi avanti 🙂
In una piazzetta nella zona di Alto Funtainha, è già stato allestito un palco con tutta l’attrezzatura per la musica … io inorridisco perché si trova a pochissima distanza da casa mia …

La sera alle 8 iniziano a suonare e ballare, musica da discoteca e quantità di giovani ma anche meno giovani che zompano e intanto bevono a garganella. Alle 6 del mattino dopo, improvvisamente smette il frastuono e io cerco di dormire anche se ormai è giorno fatto.

La mattinata trascorre silenziosa, ma adesso è il 3 di Maggio e quindi a mezzogiorno inizia la vera e propria festa di Sta Cruz. Per tutto il pomeriggio, si avvicendano sul palco personaggi che parlano, intervallati dalla solita musica assordante, poi si procede ad una specie di parodia di un matrimonio, con tanto di finta sposa vestita di bianco e damigelle. Da anni sto cercando di sapere le origini di questa parodia. Il perché, cosa sta a rappresentare il matrimonio in questo contesto, ma niente, nessuno mi ha saputo ragguagliare, si fa e basta :-).
Dopo la pantomima del matrimonio, si prosegue ballando fino a sera e si passa direttamente alla disco che si protrarrà questa volta fino alle 4 del mattino seguente.

E siamo al 4 di maggio. Verso le 11 della mattina iniziano a rullare i tamburi, a me sembra di averli qui in salotto e mi fabbrico due tappi per le orecchie con il cotone (sono due giorni che non si dorme), ma servono a poco, attutiscono appena l’assordante rimbombare di quel ritmo ossessivo ripetuto all’infinito.
DSC04315

Smettono i tamburi e riprende la musica dal palco della piazzeta … avanti così fino alle 4 del pomeriggio, quando ecco che tornano i tamburi, questa volta accompagnati da una miriade di fischietti. E’ la gente che dalla piazzetta sta scendendo in corteo verso la spiaggia qui davanti a casa mia. Una sfilata davvero pittoresca, dove un uomo cammina e accenna passi di danza, infilato in una barca appesa alle sue spalle con delle robuste bretelle, dal fondo della quale escono le sue gambe saltellanti al ritmo dei tamburi.
Di fianco al corteo corre una miriade di ragazzini e ci sono degli uomini con un gallo vivo in mano …

In spiaggia, il povero gallo verrà sotterrato con la testa fuori dalla sabbia e gli uomini in circolo intorno a lui, cercheranno di colpirlo con delle pietre. Chi riuscirà ad ucciderlo, vincerà il gallo e se lo porterà a casa.
Usanza strana e anche piuttosto violenta … anche qui, non sono riuscita a conoscerne le origini ne le motivazioni, ma neanche la barchetta che cammina … chissà cosa rappresenterà?DSC04313

Mentre si fa il “gioco” del gallo, i tamburi non cessano di suonare e gli strilli e le risate arrivano benissimo fin qui da me. Tramonta il sole, sono le sette di sera ed ecco che si rimettono tutti in marcia. L’andatura della barca è più traballante ma, i tamburi e i fischietti sono a mille e si rifà la sfilata tornando verso la piazza.

Saranno finiti i festeggiamenti? Neanche da pensarci!!!!! Appena arrivano, il Dj riprende la sua frenetica attività e siamo pronti per un’altra mitica nottata!!!

E’ il 5 Maggio, ma qui non sanno chi è Napoleone … 🙂 alle 6 del mattino sto ancora aggirandomi per casa aspettando che il Dj cada stecchito … niente da fare!!!! Smetterà soltanto alle 8 … io sono sfinita e non ho ballato per niente … loro sono ubriachi fradici, ma ancora saltellano intorno al palco, e sembra quasi che gli dispiaccia che sia già finito tutto!!!!

Domani avranno molto da raccontarsi, molte saranno le risate e i ricordi, intanto qualcuno lavorerà anche e tutti si staranno preparando per la prossima festa, che poi non è tanto lontana.

Gente felice, gente allegra, gente capace di divertirsi sempre e ad ogni costo. In fondo credo che vorrei poter essere come loro ma, sono davvero livelli inarrivabili per noi 🙂

Annunci

Lo so che è presto, ma qui dall’inizio di gennaio si stanno preparando per quella che è la festa in assoluto più sentita, che coinvolge proprio tutti, dai bambini agli anziani e nessuno vuole rinunciarci.

big_1358244862_6045_Sonhos_sem_limeite

Il carnevale più spettacolare ed in genere meglio riuscito è quello di Mindelo, ma anche a Praia c’è un bel carnevale.
Esistono gruppi che organizzano la sfilata di un carro, iniziando a prepararsi già dal mese di dicembre, un po sulla falsariga brasiliana.

Proprio oggi c’è sul giornale un articolo dove la presidente di un gruppo di Mindelo dichiara che sta facendo il giro di tutti quelli che possono sponsorizzarla, sia in Capo Verde che all’estero, perché lei deve riuscire assolutamente a vestire “i suoi ragazzi”.
La sfilata che sta organizzando questo gruppo che si chiama “Sogni senza limite”, prevede la partecipazione di 700 comparse e naturalmente un carro. Il tema di quest’anno sarà la Mitologia.
C’è grande rivalità fra i vari gruppi naturalmente ed i preparativi avvengono quasi di nascosto, in segreto, per non far sapere agli altri come saranno i costumi, le musiche, i balli e così via. Si riuniscono tutti i giorni per provare e riprovare, finché non riusciranno a raggiungere un grado di preparazione soddisfacente. Tutti i partecipanti mettono grandissima energia in questa occasione e non si perdono un giorno di prove, essendo straordinariamente puntuali …. ossia, fanno quello che normalmente non fanno mai 🙂

Un’intera popolazione di indole super pigra, che improvvisamente si risveglia e si scatena ed è pronta a sottostare a regole anche severe, pur di poter partecipare e riuscire a creare un evento che in genere risulta molto bello da vedere.

In febbraio sono parecchi i turisti che si riversano a Mindelo per assistere alle sfilate ed in quei giorni si vive in città un clima straordinario che vale la pena vedere.

Tutte le isole e tutte le cittadine comunque fanno il loro carnevale, il tono è certamente minore in quanto non ci sono possibilità finanziarie, ma ugualmente le feste si sprecano 🙂 se venite a SNicolau per carnevale, non mancherete di divertirvi in ogni caso!

A Tarrafal, ci sono un paio di persone che si incaricano di cucire i costumi; sono praticamente le stesse che fanno le divise per la scuola quando inizia l’anno scolastico 🙂 I costumi risultano in genere parecchio scadenti, ma loro li indossano con tanta felicità, che tutto l’insieme fa tenerezza. Poi c’è qualche fortunata/o che si può permettere un costume confezionato magari a Sao Vicente, ma si contano sulle dita …

Ricordo l’anno passato di aver avuto una conversazione con ragazzi e ragazze di Tarrafal, che mi raccontavano i loro sforzi per il carnevale; Mi hanno fatto capire che questa festa in realtà non è per essere più belli, non importa se sei magra, con il corpo da modella o grassa come una botticella, non importa se il tuo costume è costato tanti soldi o se è uno straccetto, l’importante è il divertimento, è che si sta tutti insieme, si balla e si gira tutta la città, si sta in strada tutta la notte e divertirsi è lo scopo vero ed unico 🙂

Filosofia spensierata di gente spensierata che prende la vita in modo molto diverso da noi e che pur non essendo scevra da problemi, è forse una “buona vita”.

Aspettiamo questo Carnevale, vi farò avere qualche foto o qualche video se proprio non volete prendervi una vacanza 🙂

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: