Tag Archive: trasporti a Capo Verde


12e0f8183964654fb1c0f43d8eab9906_XLContinua la telenovela dei trasporti capoverdiani. Parliamo di quelli aerei questa volta e facciamo un piccolo riassunto delle precedenti puntate. 🙂
Dunque era stato stabilito che per diminuire il costo delle rate che TACV deve pagare per estinguere il suo debito, si sarebbero cambiati i due aerei ATR (quelli che fanno i voli nazionali), con altri due aerei dello stesso tipo ma molto più vetusti. L’operazione che doveva andare in porto in giugno non è poi stata effettuata (fortunatamente dico io) perché al Governo e anche al consiglio d’amministrazione della TACV non era piaciuto il fatto di mettere in servizio macchine vecchie, con tantissime ore di volo e praticamente insicure.
Bene, intanto Binter è sempre in attesa di ottenere l’OK per far volare i suoi aerei tra le nostre isole, ma sembra che la cosa vada ancora per le lunghe e non si danno spiegazioni al riguardo. Ricordo che la compagnia spagnola Binter ha aperto da quasi due anni ormai una sede a Praia, ha a disposzione i velivoli per effettuare i voli interni e le manca solo che le venga dato il via.
Cosa capita ora? La flotta aerea per i voli nazionali di TACV, comprende solo due veicoli ATR e ad agosto, uno dei due dovrà essere fermato perché avrà superato le ore di volo consentite e dovrà effettuare le manutenzioni obbligatorie. Operazioni queste che in genere richiedono molto tempo. Rimarrà quindi ad agosto un solo aereo a disposzione della compagnia capoverdiana.
Come sappiamo Agosto è un mese di alta stagione, in cui a Capo Verde arrivano e partono tantissime persone, sia turisti, che emigranti senza contare i capoverdiani residenti che si spostano per le ferie.
Che dire? un Paese che punta tutto sul turismo ed è composto da isole, un Paese per il quale i trasporti aerei sono importantissimi, qui non ci sono autostrade, qui bisogna volare perché siamo circondati dal mare, un Paese che si riduce con un solo aereo in alta stagione!!! Non ci sono parole è roba da non crederci, eppure è così.
Appuntamento alla prossima puntata, sperando che nel frattempo ci sia stato qualche miglioramento della situazione, mi immagino il caos per chi deve prenotare il viaggio per agosto …

http://www.oceanpress.info/cms/Pt/economia/44708-tacv-perde-mais-um-aviao-e-compromete-ligacoes-inter-ilhas

Annunci

E giusto in tempo per il periodo del carnevale, quando tantissima gente dalle altre isole viene a Sao Nicolau …
la nave traghetto Libertadi si ferma per chissà quanto tempo. Si trova ancorata a Praia in attesa di pezzi di ricambio per essere riparata ..
Intanto in questi giorni per colpa della bruma seca sono stati cancellati più di 10 voli interni e ora siamo pure senza nave … è la storia di sempre che si ripete! In gennaio doveva prendere servizio la Compagnia Aerea spagnola Binter per assicurare i trasporti tra le isole … non se ne parla proprio più … che fine avrà fatto??
Sono stufa di scrivere sempre la stessa notizia riguardo i trasporti, non si intravvedono vie d’uscita e sinceramente è una vergogna!!!

http://rlcv.net/noticias/actualidade/436/liberdadi-suspende-viagens-para-s-nicolau-e-outras-ilhas?utm_source=dlvr.it&utm_medium=facebook

Il Sindaco di Tarrafal José Freitas, è apparso durante il telegiornale, per manifestare la sua preoccupazione circa la situazione dei trasporti da e per questa isola.
Chiede al Governo maggiore attenzione per questa isola e l’urgente risoluzione del problema dei trasporti.
Il traghetto “Libertadi” che era stato assegnato alla rotta São Vicente-São Nicolau, è stato rimosso e inviato alle isole di sotovento; la nave “Ribeira de Paul” che provvedeva al collegamento con Sal, non passa da più di un mese da questo porto; come nave da carico esiste solo più la vecchia “Marliso” che però secondo la nuova legislazione dovrà essere rimossa dal servizio; il traghetto “Kriola”, pare sarà assegnato a questa rotta, ma si tratta di una nave spesso ferma per riparazioni (come ora ad esempio) e sarà l’unica possibilità per il trasporto passeggeri.
Il Sindaco ha anche ricordato che la situazione degli aerei non è certo molto migliore in quanto persistono i problemi di voli cancellati e aeronavi in riparazione, inoltre fa presente che la maggior parte della gente che deve spostarsi da isola a isola, non può permettersi i costi del viaggio aereo.
Il trasporto almeno per São Vicente è molto importante per gli abitanti di São Nicolau, in quanto per qualsiasi prestazione medica ad esempio, ci si deve rivolgere a S.Vicente perché S.Nicolau non è attrezzata; gli studenti vanno all’università a S.Vicente; qualsiasi merce si può trovare su quell’isola mentre S.Nicolau ne è sfornita; anche per rivolgersi a Professionisti di varie aree, bisogna andare a S.Vicente …
Insomma, se la situazione non migliora, se il Governo non si decide a rendersi conto che anche quest’isola fa parte di Capo Verde, rischiamo il completo isolamento.
Speriamo che le parole del Sindaco siano arrivate a chi di dovere e che qualcuno si faccia finalmente carico di questo grave problema …

http://noticiasdonorte.publ.cv/32524/presidente-da-camara-municipal-do-tarrafal-estamos-presos-em-s-nicolau/

Problema Medicinali

E’ da sempre un problema il rifornimento dei medicinali nelle varie isole.
Capita spesso che le farmacie si ritrovino sfornite anche dei medicamenti salva-vita, per non parlare di cose molto più semplici, tipo aspirine o cerotti.
In gran parte questa situazione è dovuta all’orribile servizio dei trasporti, anche se io aggiungerei che non sempre i gestori delle farmacie sono in grado di gestire i loro rifornimenti e fare le ordinazioni in tempo utile ….
Chi vive qui sa infatti che i capoverdiani in genere aspettano di aver finito tutto prima di comperare nuova merce, e questo non capita solo con le farmacie ma in ogni settore commerciale.

Comunque è certo che i trasporti, o meglio la mancanza dei trasporti, sono in larga misura i responsabili di questa situazione di disagio; visto che non sembra ci saranno soluzioni a breve termine, la Direzione Generale delle Farmacie, si è inventata un sistema nuovo per cercare di aggirare l’ostacolo 🙂

Hanno stipulato una specie di contratto con le Forze Armate: La Clinica Militare verrà rifornita periodicamente dei medicamenti essenziali e, in cambio, le Forze Armate metteranno a disposizione i loro mezzi di trasporto sia marittimi che aerei, per aiutare il rifornimento delle isole.
Ora, non pensiate che le Forze armate abbiano a disposizione chissà quali mezzi di trasporto …. ma in ogni caso un piccolo aiuto può essere utile. Staremo a vedere se ci sarà qualche miglioramento.

Ministero della Salute e Ministero della Difesa firmano oggi l’accordo.

http://www.rtc.cv/index.php?paginas=21&id_cod=7011

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: