11261914_794144184035923_1879851917120626567_n Mindelo, la capitale dell’isola di São Vicente è una cittadina graziosa e molto vitale; sono tantissimi i locali che si affacciano sulle vie del centro, sulla passeggiata a mare e sulla splendida baia del porto. E’ possibile trovare di tutto, dalla cucina tipica a quella internazionale con particolare abbondanza di specialità italiane. Questi locali sono presi d’assalto dai molti turisti che arrivano in barca a vela oppure sulle grandi navi da crociera e così, da tutti quelli di passaggio capoverdiani e non.
12539942_10207638221289065_500659023_nEsiste però un locale che non è in pieno centro ma un pochino defilato, a cinque minuti dalla piazza del centro e sapete perché non si trova in centro? Perché come tutte le cose migliori, bisogna sapersele guadagnare ed è dedicato ad una clientela che sa apprezzare. 12575940_10207638218809003_611394264_n
Si chiama CALABAR, è un grazioso angolo d’Africa che ci fa ricordare che anche se CapoVerde aspira ad essere europeo, resta pur sempre in Africa. I divanetti e i tavolini non dozzinali ma fatti a mano, le gazzelle stilizzate che balzano sulle pareti dai caldi colori africani come sfuggendo agli attacchi della pantera, le simbologie di antichi popoli africani, il tutto sotto una pergola di verdi piante rampicanti che lascia passare il fresco della sera di Mindelo. Musica soft di sottofondo, che ti lascia chiacchierare piacevolmente senza dover gridare, i piatti prelibati presentati e serviti con molto stile … insomma non sembra neanche di essere a Capo Verde. IMG_20160115_203912
12341375_10207376896556110_2670339492698465554_n 20160116_211607
L’artefice di questa piccola meraviglia è un italiano, il suo nome è Pino Scarcello, un artista milanese forgiato all’Accademia di Brera, che ha una grande passione per i cocktail; anche quella del barman se svolta con competenza e passione è un’arte e, in effetti gli splendidi beveraggi che lui crea sono vere e proprie opere d’arte così come i suoi dipinti.
Pino conta sul valido aiuto della sua compagna capoverdiana da anni con lui. Solange Santos è anche lei molto attiva nel locale, cordiale, sorridente e brava con la griglia 
E’ tangibile nel locale, l’atmosfera che queste persone hanno saputo creare: cortesia e solarità che ti scaldano il cuore e che non ti aspetti a Capo Verde, dove in genere il personale nei locali è molto “impreparato” e “distaccato” per così dire. IMG_20160116_201241
Ma perché questo nome Calabar?
Calabar è una città nigeriana, che è stata anticamente un vero e proprio Regno: il REGNO DI CALABAR.
Esiste oltre alla ricca storia antica di questo popolo, anche una leggenda, secondo la quale le radici del Regno di Calabar sarebbero così antiche, al punto che si racconta fosse la sede del Giardino dell’Eden.
Pino che ha viaggiato in lungo e in largo per il mondo, è stato affascinato da questo posto e dalla leggenda, così quando ha deciso di creare un suo locale, lo ha voluto chiamare Calabar, in omaggio all’antico Regno e a questo fiero popolo africano.20160116_233706
Il mio consiglio spassionato è quello di andarci al Calabar, se passate per Mindelo o se ci venite in vacanza, non fatevi scappare questa esperienza e, quando il proprietario verrà a salutarvi .. chiedetegli di raccontarvi qualcuna delle sue fantastiche avventure di viaggi.20160116_215421
Come tutti gli artisti, ora che questo sogno è realizzato ormai da tempo, lui sta pensando di creare un altro locale in un’altra isola di Capo Verde, quindi … chissà che tra qualche tempo non possiate trovare una nuova opera prima del grande Pino Scarcello, magari a Sal o a Boa Vista. 🙂
IMG_20160116_201125

Annunci