Nei giorni scorsi si è svolta sull’isola di Brava, una riunione dei vari tecnici e responsabili del Ministero dell’Ambiente,per discutere uno strumento di politica ambientale del Governo: la Tassa Ecologica.
Fino a tre anni fa, il governo trasferiva ai vari municipi, i proventi di questa tassa. Il trasferimento diretto è poi stato cancellato ed ora in questa riunione si discuterà anche una nuova forma di trasferimento di questi fondi, che verrebbero erogati solo dietro presentazione ed approvazione di determinati progetti. Il Direttore Generale dell’Ambiente ritiene che questo modo di attuare garantirà che i fondi in questione vengano utilizzati in progetti esclusivamente ambientali.
Grande attenzione quindi ai problemi ambientali, intanto però escono continuamente articoli piuttosto sconcertanti circa il modo di conservare l’ambiente …
E’ sempre di questi giorni la notizia delle spiagge di Fogo, prese d’assalto dalle ruspe che prelevano la sabbia.
Non conosco a fondo questo problema, ma pare che questa abitudine di prelevare la sabbia con i camion dalle spiagge esista da tempo e il Comune, insieme con i responsabili per l’ambiente, invece di proibire il prelievo, abbia semplicemente deciso di ordinare di cambiare spiaggia, destinando un posto meno “in vista”.1453345_668614826536147_556758942_n
Così facendo, le operazioni di prelievo sabbia diventano meno visibili ma ovviamente il problema resta. Si tratta di quaranta camion al giorno che caricano circa cinque mc. di sabbia, per 250 giorni l’anno fanno circa 50.000 mc.di sabbia rimossa all’anno, una quantità considerevole!!!
Il problema si potrebbe aggirare prelevando la sabbia in zone interne dell’isola oppure producendo la sabbia tramite trituramento di pietra e ghiaia … chiaramente questi sistemi comporterebbero un aumento del costo al metro cubo del materiale, ma la perdita delle spiagge sarà un pregiudizio molto più grave per l’isola in termini di economia, turismo e qualità della vita!!!
Se continuerà questo scempio, le spiagge andranno gradualmente scomparendo!
Io mi chiedo: chissà se durante la riunione di Brava si è toccato questo argomento? Chissà se il Ministro per l’Ambiente si deciderà a prendere una qualche decisione al riguardo? Come sempre ce lo auguriamo tutti e non ci resta che attendere gli sviluppi.

Annunci